10 lug 2013

Un commento sulla nuova enciclica "Lumen Fidei"

Nello scorrere della lettura della nuova Enciclica costituita da ottantadue pagine scritte a quattro mani, si intuisce la forte presenza del profondo pensiero dell’emerito Papa Benedetto XVI. Malgrado la firma autografa di Francesco, Pontefice regnante, si riconosce l’accento del Papa teologo che aveva quasi completato una prima stesura di Lettera Enciclica sulla fede.
Ed è lo stesso papa Bergoglio ad affermare, senza alcun indugio, la sua profonda gratitudine a Ratzinger..Papa Francesco ci informa che, assumendo il suo prezioso lavoro, è riuscito ad aggiungere al testo.. ulteriori contributi.
Ancora un nuovo episodio epocale..giacchè mai si erano incontrati nel contempo due Papi e mai contribuendo assieme alla stesura di una simile Enciclica
La “luce della fede” è suddivisa in quattro capitoli, più un’introduzione e una conclusione. Lo stesso Pontefice ci spiega che si aggiunge alle Encicliche di Benedetto XVI sulla carità e sulla speranza, assumendo così, il “prezioso lavoro” compiuto precedentemente dal Papa emerito. A questa “prima stesura” ora il Santo Padre Francesco aggiunge “ulteriori contributi”.

Ma qual è lo scopo…quali le motivazioni che hanno portato a questo documento? Se non quelle di voler indicare.. nella fede, una luce capace di accendere l’esistenza dell’uomo in terra. Essere di aiuto per l’umanità affinchè si possa meglio identificare una distinzione fra ciò che rappresenta il bene e ciò che identifica il male. Un messaggio che, nel mondo contemporaneo, si avverte in modo particolare. Un’epoca nella quale sembra essersi persa persino la speranza sul futuro di noi stessi.
Da molti..la fede.. è oggi vista come un’illusione…un passo verso il buio. La Lettera vuole spingere ad una riflessione profonda...poichè non intende identificare la fede come naturale presupposto scontato, ma come un dono voluto.. che andrebbe protetto e fortificato.

Nella lettura son rimasto attratto dal riferimento sulla storia di Israele, dove si pone la distinzione tra la fede e l’idolatria: Quell’adorazione degli idoli pagani che disperde l’uomo nella molteplicità dei suoi desideri, ove si specifica che “ lo disintegra nei mille istanti della sua storia”, negandogli di attendere il tempo della promessa. 
Anche se in modo diverso, vi è un preciso legame con ciò che tende oggi a proliferare! 
Al contrario di chi tendeva a disperdersi nell’idolatria, chi aveva fede nell’amore di Dio che accoglieva  e perdonava, si affidava ad un dono gratuito ed alla sua misericordia…scorgendo un luminoso cammino verso la salvezza. Questo cammino…da sempre..tende a rendere stabile l’uomo, allontanandolo dagli idoli.
Nell’enciclica..in proposito si sottolinea che l’amore di Dio  è il fondamento della fede: “nella contemplazione della morte di Gesù, infatti, la fede si rafforza”, perché Egli vi rivela il suo amore incrollabile per l’uomo. Cristo, in quanto risorto, rappresenta un testimone attendibile ed affidabile.
La fede...quindi..non guarda solo alla figura di Cristo, ma vede dai suoi occhi. Il figlio di Dio..ci spiega chi è Dio e noi ci affidiamo a chi, più  competente, ci guida.  La sua incarnazione, infatti, fa sì che la fede non ci separi dalla realtà, ma ci aiuti a coglierne il significato più profondo. Nell’Enciclica viene specificato come, grazie alla fede, l’uomo si salva, perché si apre ad un Amore che lo precede e lo trasforma dall’interno.
Ma l’aspetto interessante rimane il riferimento all’idolatria, per la quale si scorge.. ancora oggi una certa attrazione. Sebbene quella del mondo contemporaneo potrebbe essere comparata più ad un’“esaltazione” verso alcune figure, non cambia di certo il punto di vista di chi vi scorge un deprecabile desiderio tendente ad osannare e mitizzare.

L’esaltazione odierna, (come l’idolatria nel passato), non può che opporsi al concetto di fede cristiana, come non può di certo essere utile  per la crescita sociale di ogni comunità. Quindi, il principio della fede, su questo punto.. non potrebbe che aiutare un certo processo sociale e politico, in quanto, contrapponendosi a quella adorazione innaturale …rende l’uomo più consapevole e disponibile ad un indispensabile amore per l’umanità.

Le precedenti Encicliche sulla carità e sulla speranza non potrebbero mai essere slegate da questa ulteriore Lettera sulla fede. Quella fede.. alla quale i due Pontefici fanno riferimento..altro non può essere che una speranza alla quale l’uomo deve affidarsi per poter dare un senso alla propria vita..e la carità vuole rappresentarne il mezzo per arrivarvi.
All’uomo che soffre.. Dio non dona un ragionamento  ma offre la sua presenza che apre una luce nelle tenebre. In questo senso, la fede è congiunta alla speranza.

Anche per questo.. pare opportuna la chiusura della Lettera  in riferimento alla Beata Maria che ha sempre creduto malgrado le sue sofferenze, il Papa invita a guardare a Maria come l’“icona perfetta” della fede, perché, in quanto Madre di Gesù, ha concepito fede e gioia, ma ha anche vissuto nel dolore e nella speranza.
Malgrado il mio essere agnostico e le tante perplessità in proposito, riesco a trovare un senso  a questa fede cristiana cosi bene evidenziata… da definirla quasi come un “valore sociale” indispensabile per il futuro del mondo odierno.

L’uno attraverso la particolare profondità della mente…l’altro con l’uso dell’umiltà e  lo spiccato amore verso il prossimo, questi due Pastori della Chiesa...rappresentano oggi l’espressione di ciò che in noi stessi vive ed esiste. La ragione ed il sentimento…la mente ed il cuore…che sono spesso stati contrapposti e condizionanti nella storia dell’uomo, ma sono i doni importanti che devono trovare un equilibrio al fine di non scontrarsi reciprocamente e nella speranza di un riscontro con un futuro migliore. 
I due Pontefici …ne rappresentano oggi una chiara espressione.

vincenzo cacopardo

Nessun commento:

Posta un commento