25 gen 2015

piccola nota al nuovo articolo di Domenico Cacopardo



di domenico cacopardo
Vivevano tranquilli in un mondo che non c’era più: il partito, i quadri, le federazioni, i comitati regionali, le cooperative (migliaia di cooperatori con famiglie legati tutti alla “Casa” e votano come soldatini) con i presidenti che venivano in visita bussando con i piedi, visto che le mani erano piene dei soldi delle solite regalie, l’Arci con le migliaia di società sportive, le centinaia di società che gestiscono impianti sportivi comunali, anche di lusso, e le centinaia di Onlus e Ong, gratificate di soldi pubblici, anche qui migliaia di dipendenti con famiglie, legati tutti alla “Casa” e che votano come soldatini. E la Rai con le sue truppe bulgare pronte a obbedire al partito e mettere in crisi tutti gli altri. E le migliaia di comuni, regioni, il Parlamento, un’altra legione di persone tutte legate a filo doppio al partito che controllano un territorio immenso, milioni di cittadini, che non possono ritirare un certificato di nascita o una concessione edilizia senza inviare un pensiero grato all’amministratore excomunista che gliel’ha fatto avere. E la stupida follia di voler far votare gli immigrati senza cittadinanza, che, anzi, la cittadinanza italiana non la vogliono, fa loro schifo, nella speranza di guadagnare qualche percentuale in più, a scapito del consenso degli italiani, quelli delle classi povere costrette a fare i conti con la novità dell’immigrazione e del favore con cui viene trattata dai comuni (di osservanza).

Non si rendevano conto, i nostri amici, che tutto questo impero era in crisi: la statica lo stava tradendo, le fondamenta stavano cedendo, presto i pilastri si sarebbero sgretolati e tutto sarebbe venuto giù in un collasso improvviso e imprevisto. Con esso, le protezioni attive che riscuotevano in molti ambienti, dalla cultura alla magistratura, dall’università alla pubblica Amministrazione, si sarebbero esaurite e li avrebbero costretti alla vita comune dei comuni cittadini. Compresi gli avvisi di garanzia.

Certo, i segnali c’erano stati.

Il primo era stato accolto con bottiglie di champagne: il crollo di Craxi e dei socialisti, ribaldi concorrenti che avevano intercettato i flussi di denaro a loro destinati e s’erano appropriati non solo delle tangenti, ma del complesso di relazioni che esse comportavano. Nessuno aveva capito che Craxi non aveva colto sino in fondo il senso della caduta del Muro di Berlino, né dei rancori che il taglieggiamento aveva provocato negli italiani, né che un gruppo di magistrati spregiudicati coltivando un disegno di potere, da altri definito (proprio da loro, i comunisti, per mano e cervello di Luciano Violante), s’era messo in proprio e aveva deciso sì di fare giustizia, un compito che non competeva loro, pagati dallo Stato per applicare la legge, ma soprattutto di prendere in mano il potere. Non c’erano riusciti perché la società italiana, laica e trasgressiva, aveva preferito l’amico di Craxi, l’imprenditore puttaniere dal linguaggio nuovo e attraente, alla gioiosa inquietante macchina da guerra di Achille Occhetto, la ridicola caricatura dei capi d’un tempo (e nessuno se n’era accorto che si trattava di una caricatura).

La fine del comunismo e del democristianismo d’accatto, quello di una sinistra “economica”, battiti di petto e denaro, Dossetti e Iri, che aveva vagheggiato di sopravvivere in comunella con i “compagni” in un compromessino storico che avrebbe salvato gli stipendi e gli extra di tutti, è stata sancita il giorno in cui, non avendo di meglio (e, avendolo, rifiutandolo per il timore che uno consapevole avrebbe potuto fare pulizia e ammodernamento), avevano affidato il condominio al più grigio dei politicanti di provincia di cui erano gonfi: lo statista di Bettola, Pierluigi Bersani.

Poi, la resa e l’arrivo di un ragazzo, proprio un ragazzo di 39 anni, senza precedenti (penali), libero di pensiero e di mano, spregiudicato, duro quanto basta, che con un linguaggio vittorioso ha conquistato il partito e il governo.

Tutto nuovo, tutto rottamato, a costo di mettere degli imbecilli in posizioni chiave, tanto non contano, conta solo il «main stream» la corrente del grande fiume del nuovismo, del risanamento e del rilancio e, vivaddio, dell’orgoglio nazionale.

Non lo hanno capito nemmeno ora i nostri Tafazzi excomunisti ed exdemocristiani (economici). Non hanno capito che l’art. 18 (la bandiera dello stolido Cofferati, finalmente autorottamatosi con la consolazione di uno stipendio da eurodeputato da aggiungere alla pensione), il voto di preferenza (quello di castità politica era già stato infranto), l’economia di mercato dichiarata a parole, per ammantare i propri affarucci di un’aura perbenista, sono finiti. Che il mondo è cambiato e sono cambiati gli italiani, a costo di votare il nulla celebrale e politico rappresentato da Grillo e dai suoi giovanotti, o coloro che temono l’ondata islamica e si giovano del suffragio degli spaventati. 

Hanno ritrovato la speranza, gli italiani, intorno al giovanotto di Firenze, che, alla fine, li deluderà, rischiando la fine di un Masaniello qualsiasi. Però ora e adesso è lui e il suo disegno che contano. I Tafazzi possono rodersi il fegato: sono destinati all’oblio e all’oscurità.



La visione del "giovanotto" di Firenze..mi fa tanto pensare al nuovo Forrest Gump italiano (anzi fin troppo fiorentino) che corre e corre...senza sapere dove andare...La battuta di Sgarbi circa la sua energia che deve esprimersi a tutti i costi..continuando a pedalare come fosse su una ciclette..è assai adatta. 

La comune frase dei tanti cittadini .."di una mancanza di alternative"...sembra, invece, un voler accettare a prescindere.. con gran dose di masochismo... un innaturale percorso senza il quale saremmo finiti! 

Un vero cambiamento non è quello portato dalle figure, ma quello proposto dalle idee..e le idee semplificative del "giovanotto"...non credo possano portare risultati positivi...La politica necessita di funzionamento e non di fretta e semplificazione! 

L'aver diviso il popolo in gufi e non gufi è un'altra delle caratteristiche di chi tende a voler dividere..fingendo di rottamare, e finendo.. poi... col determinare solo baratti. 

Quello che veramente bisognerebbe rottamare è un vecchio sistema sul quale si incardinano interessi e burocrazia..che tanto fanno comodo ad una politica assai poco funzionale che lo stesso premier tende a proporre.
Vincenzo cacopardo







24 gen 2015

Renzi...impetuoso Machiavelli della politica moderna

di vincenzo cacopardo

Accanto ad una Merkel impettita e rigida ed una monumentale scultura di Michelangelo, il Premier Renzi, pare esprimersi prevalentemente come sindaco di Firenze.”

Sembra quasi che che da un momento all'altro una buona parte di deputati e senatori PD tenda ad alzare la cresta... disturbata dal losco patto del Nazareno e dall'ambiguo dialogo del loro leader con l'oppositore Berlusconi. Siamo stati abituati a vedere queste improvvise fiammate..rivelatasi poi solo fuochi di paglia inutili..Ognuno di essi pare rimanere seduto nella propria comoda poltrona..poichè il pensiero di doversi organizzare in posizione diversa, staccandosi dal partito per combattere una lotta di idee contro il segretario Capo del Governo..potrebbe indurli alla definitiva sconfitta che li metterebbe fuori dal gioco. Ma la politica non è certo un gioco!..non è una comoda poltrona sulla quale stare seduti con il beneficio di un congruo compenso...

Certo se Renzi non avesse avuto ambedue le posizioni di comando (segreteria del Partito e Presidenza del Consiglio) un patto del Nazareno sarebbe risultato più difficile da mettere in campo....Ma questa è una storia lunga..sono conflitti reali difficili da far recepire ai tanti politici odierni..spesso privi di un costruttivo pensiero politico...

La realtà è che nel PD ridotto, come già ripetuto, ad un vero ectoplasma, con figure deboli al suo interno e nessuno sembra in grado di di esprimere a fondo una propria personalità politica..nè il carattere idoneo di chi dovrebbe far seguire le proprie idee...Bastano tre o quattro slogan pronunciati dal Premier..e tutto pare rimettersi a posto! Tutti ricadono come pere che abbandonano l'albero..come fossero abbagliati dalla comunicazione del leader..pur consapevoli dell'ipocrita gioco..Nessuno è in grado di seguire una propria linea di pensiero e portarla al traguardo!

Accanto ad una Merkel impettita e rigida, e la prorompente immagine del David di Michelangelo, il Premier Renzi, pare esprimersi prevalentemente come sindaco di Firenze. Somiglia tanto ad un nuovo Machiavelli che opera giustificando ogni mezzo..usa termini come "turbo" e premia esclusivamente l'arte fiorentina ..quasi sottovalutando il resto dell'arte del nostro Paese: L'accostamento tra l'arte di Michelangelo (che toglie dal marmo per riscontrare la figura) ed il lavoro del suo governo (che toglie il superfluo per riscontrare le giuste riforme) appare come un'altra trovata sloganistica tediosa che tanto piace a coloro che lo seguono in questo limitativo percorso di semplificazione.

Nella realtà quel marmo in più viene tolto dal suo governo in modo assai frettoloso ed imprudente..tipico di una certa approssimazione. Anche se sugestivo il paragone..risulta davvero difficile poter collegare il suo lavoro con quello di un artista come Michelangelo. Ma conosciamo bene Renzi e la megalomania che l'accompagna. 

post correlato: LA DELETERIA CONCEZIONE MACHIAVELLICA CHE NON CI AIUTA

23 gen 2015

La manovra di Draghi.. tra certezze e dubbi


di vincenzo cacopardo

La manovra voluta dalla BCE del “Quantitative Easing” è una promessa per smuovere e cambiare i mercati: Mario Draghi ha proposto un piano di acquisti di bond con un potenziale da 1.100 miliardi di euro, attraverso acquisti mensili da 60 miliardi fino a tutto il 2016 . Una manovra che, per i tedeschi, potrebbe non essere esente da una possibile interruzione se raggiungesse in anticipo gli obiettivi.

Gli acquisti sarebbero incentrati sui titoli di Stato...La manovra manovra mira all’acquisto da parte della Bce di obbligazioni di vario tipo e non solo titoli di Stato di vario tipo dalle banche. Si prevederebbe quindi una nuova entrata di denaro fresco per incentivare i prestiti bancari verso le imprese e far crescere l’inflazione.
In pratica sappiamo che gli stati emettono titoli che possono essere acquistati dai cittadini e dalle imprese, banche comprese. Le quali hanno bisogno di denaro liquido per poter potenziare le proprie attività di prestito e investimento.
Il QE si propone alle banche di ricomprarsi i titoli, nella speranza che con il denaro ottenuto spinga gli istituti bancari ad un miglior accesso al credito e cioè aiutando cittadini ed imprese..offrendogli denaro in prestito a tassi di interesse più convenienti.

La manovra ha sicuramente un aspetto positivo poiché risulta chiaro che.. mettendo in giro più denaro in circolazione..si riduce lo stesso valore della moneta ..riuscendo in tal modo a sostenere meglio un mercato estero sostenendo il livello delle esportazioni .Inoltre una minima soglia di inflazione non può che risultare positiva per evitare un peggior disastro di una deflazione già iniziata...Conosciamo bene i rischi della deflazione sui prezzi e la conseguenziale debolezza della domanda: i prezzi scivolano sempre più in bassio....nella effimera speranza che qualcuno acquisti..

Il rischio per Il presidente della BCE era la stagnazione. E' logico pensare che Mario Draghi abbia concepito il nuovo “Quantitative Easing” in modo tale che le varie banche centrali europee condividano il rischio legato all’operazione di acquisto facendo sì che ogni banca si occupi del debito del proprio paese...e rendendo il denaro meno costoso. L'obbiettivo è anche quello di offrire ai governi europei la possibilità di spendere più denaro con possibilità di aumentare la spesa pubblica. Con la manovra si tende perciò ad incentivare e stimolare occupazione e consumi, anche investendo denaro nella costruzione di infrastrutture. Ma sarà così?

Qualcuno pensa che potrebbe esservi un rischio negativo...e cioè che con questa manovra si possa andare fuori controllo, facendo sì che i prezzi salgano rapidamente ed improvvisamente, con la conseguenza di una forte inflazione. A oggi, comunque, è opinione diffusa tra gli economisti che questo scenario non si possa verificare nel medio periodo e che non ci siano quindi particolari rischi.
Ma come si comporteranno le Banche?..E' questa la domanda che si pongono in tanti!..

Per quanto concerne dubbi ed incertezze.. riportiamo alla nota tratta dall'articolo di Isabella Bufacchi sul Sole 24 ore.. del 21 gennaio 2015:
Il sospetto, il timore che l'acquisto copioso da parte della Bce di titoli di Stato di un Paese con un alto (o medio o basso) rischio di insolvenza possa in qualche modo aiutare artificialmente la politica fiscale di quel Paese, allentando la pressione dei mercati e rallentando il cammino delle riforme, è diffuso tra gli Stati “core”. Ma gli strumenti non convenzionali standard della politica monetaria, il QE, non possono e non devono essere scambiati per aiuti di Stato sottobanco: perchè non lo sono. Il dibattito sull'opportunità o meno del QE nell'Eurozona dovrebbe piuttosto concentrarsi su valutazioni tecniche: si può discutere fino a che punto la deflazione sia una minaccia concreta e reale per tutti i 19, se il QE con acquisto di titoli di Stato, bond societari, covered bond e ABS (cartolarizzazioni) possa funzionare in un sistema finanziario come quello europeo dove il principale canale di finanziamento all'economia resta quasi esclusivamente quello bancario e non quello del mercato dei capitali”.





22 gen 2015

Ferrara..il royal baby... ed il Nazareno

Ci voleva un personaggio come Ferrara per innalzare ancora di più l'immagine di Matteo Renzi...
Che Giuliano Ferrara...direttore de Il Foglio ... vivesse di esaltazioni e di miti si era già visto nel passato, ma oggi il personaggio appare sempre più frastornato nell'enfatuazione del giovane sindaco d'Italia..tanto da scrivere persino cose poco fondate..In “Il Royal baby”Matteo Renzi e l'Italia che verrà” Ferrara descrive la nuova era iniziata con l’emergere di Matteo Renzi, il quale ha rivoluzionato sia il linguaggio della politica italiana che i rapporti con gli altri protagonisti del mondo politico-istituzionale.
Se sul linguaggio ipocrita e carico di promesse.. possiamo essere d'accordo, sul piano pratico possiamo dubitarne per i mille motivi e le complicazioni che stanno venendo fuori...

Per Giuliano Ferrara.. Renzi è l’unico degno sostituto ed erede di Silvio Berlusconi. Sapevamo che Ferrara ha sempre straveduto per il cavaliere al punto di evidenziarne una particolare dipendenza ..Il giornalista ha sempre amato le figure forti, risolute e determinate...come fu per Craxi..e lo stesso Berlusconi (soprattutto quelle che sanno solo promettere e vendere). La nota rottamazione di Renzi appare in realtà veramente particolare poiché lascia al comando delle decisioni personaggi come Verdini e lo stesso Berlusconi che, a prescindere dai rinvii a giudizio e le condanne, non sono certamente il simbolo del nuovo...e se lo fa è solo perchè è costretto a barattare! Inoltre si propone con figure di governo che, seppur giovanili..appaiono sempre poco capaci. Come per la sua comunicazione... sembra imporre uno stravolgimento iconico e figurativo vincente rispetto ad una più complessa realtà. Ma la sua forza si regge oggi soltanto su un ambiguo patto del Nazareno...Senza questo Patto non avrebbe alcuna possibilità di poter proseguire nella pretesa di un cambiamento imposto con troppa determinazione e poco rispetto verso una democrazia.

Vi sono personaggi come Ferrara (nel passato comunista estremo) che guardano la politica attraverso la forza di queste figure risolute a prescindere dal loro operato..come fosse una forma catartica e liberatoria di un passato vissuto in un estremo contrario... Ciò che unisce questi personaggi estremi a queste figure determinate.. è la visione di un assolutismo dispotico ed un liberismo estremo.

Ferrara ripone le stesse speranze che tempo fa aveva riposto nel leader di Forza Italia...affermando: “Volete che un vecchio e intemerato berlusconiano pop, come me, non si innamori del boy scout della provvidenza?” designando.. con la rituale enfasi.. il Premier come un “royal baby”, descrivendolo infine come il figlio di un re decaduto al quale deve assolutamente essere ceduto il passo.
La vita politica e parlamentare di questo Paese si regge ormai su questo patto del Nazareno dove persino figure come Verdini reggono le fila..ed il governo del sindaco d'Italia gode di una maggioranza ben diversa da quella che aveva ottenuto la fiducia (senza alcun voto popolare)...ma dove è finita la logica politica di questo Paese?..Dove è finito il rispetto per il cittadino?


Se questo è un motivo di esaltazione nei confronti di chi ipocritamente si predispone ad una falsa rottamazione e ad un cambiamento che in realtà non cambierà alcunchè..viva l'enfasi smodata di Ferrara!
vincenzo cacopardo

20 gen 2015

Presidenza della Repubblica: il bisogno di una scelta popolare?


Chiunque sia il nome che verrà fuori..Casini... Mattarella.. Amato..Finocchiaro, la cosa che più potrà interessare l'aspetto funzionale della politica, sarà come il candidato prescelto si muoverà.

Sembrano essere stati recentemente apportati dei cambiamenti sulla nuova legge elettorale detta “Italicum”..correzioni che hanno sicuramente migliorato l'aspetto inizialmente restrittivo sulla quale era nata la proposta: - Le soglie di sbarramento sono state abbassate...il premio di maggioranza ridimensionato (per la coalizione o per la lista..ancora da decidere)..e buona parte di preferenze espresse al di là delle liste bloccate. I partiti sembrano ancora dover decidere, ma di quelle prerogative che Renzi avrebbe voluto e che sono sempre state nel suo spirito in direzione di un forte sistema bipolare..non pare esservi rimasto nulla..tranne la pretesa di far scomparire un Senato della Repubblica relegandolo ad una inutile Camera con personalità espresse in seno alle amministrazioni Regionali.

Oggi la nomina del nuovo Capo dello Stato rimane fondamentale per la messa a punto di queste riforme che in sé di rivoluzionario non hanno ormai alcunchè. Il nuovo presidente della Repubblica, malgrado il suo ruolo di arbitro, non potrà restare esente dall'ambito di questo poco utile cambiamento. Una conversione che tutti avremmo voluto ricercata verso un funzionamento più innovativo e che lo stesso Renzi avrebbe voluto più incisiva ed in favore di una governabilità sicura a prescindere.

Se la nuova figura presidenziale sarà di vecchio stampo democristiano, crescerà una politica diretta verso il centrismo che per decenni ha condizionato la vita politica del paese seguendo le strade dei compromessi continui nella ricerca di governi impastati di contraddizioni.... e la moderazione, come tutto il resto, tenderà a divenire moderatismo ed esasperazione di quel centrismo che non pare mai trovare soluzioni, ma solo compromessi ...Se altrimenti sarà un tecnico economista...sarà l'ennesima sconfitta di una politica e si ritornerà alle vecchie posizioni ed a quelle scelte alla Monti con un condizionamento estremizzato della Comunità europea che imporrà continue rinunzie. L'arbitro tenderà quindi a divenire un quarto uomo che... come tutti sanno.... non ha mai contato nulla.

La tendenza del nostro Paese è sempre stata quella più predisposta ad una figura moderata e questo, seppur restringe notevolmente il campo dei possibili candidati, determina la scelta di nomi poco innovativi nel pensiero e meno efficaci nel predisporsi ad un vero cambiamento. Ma il ruolo del Presidente rimane quello di arbitro garante nel rispetto massimo della Costituzione. Una Carta, per certi aspetti ed in alcuni punti, messa in serio dubbio dal progresso sopravvenuto in questi ultimi anni...
Sono ancora tante le riforme da dover ricercare per poter rendere un miglior funzionamento ai principi base della politica...mentre il percorso del sindaco d'Italia è proseguito nella via inutile della pura semplificazione.


...E' sicuramente certo che i cittadini, pur riconoscendone un ruolo di garante, preferirebbero una elezione diretta del capo dello Stato che, in una situazione condivisa popolarmente, ricoprirebbe meglio e con meno condizionamenti il proprio ruolo.  
vincenzo cacopardo

Domenico Cacopardo ci informa sulla vicenda delle ragazze tornate dalla Siria



Una storia particolare descritta con rispetto e sobrietà da chi sa analizzare i fatti con seria consapevolezza e buona informazione. 
di domenico Cacopardo

“Renzi, che non è il serio capo di un governo serio, si beerà, come i suoi predecessori, dell’effimera e superficiale popolarità del ritorno di Ramelli&Marzullo in terra italiana.”

Spenderemo molto più inchiostro del solito, per cercare di capire la storia di Greta Ramelli (20 anni) e Vanessa Marzullo (21). E di Roberto Andervill (46), (forse) il loro misteriosissimo capo. Ma il caso merita un serio approfondimento, visto il mare di bugie che si sono raccontate e l’ipocrita buonismo che ha accompagnato il loro ritorno a casa e che continua a imperversare nel circo mediatico nazionale.

Una ricerca che chiunque potrebbe compiere sul web ci ha permesso di mettere insieme informazioni e valutazioni non contestabili.

Con lo scoop del 17 gennaio sul Fatto quotidiano, forte di canali privilegiati con gli ambienti giudiziari e affini, Angela Camuso ha raccontato di aver «preso visione» di intercettazioni dei Ros riguardanti conversazioni tra Greta Ramelli e Mohammed Yaser Tayeb e Maher Alhamdoosh, due siriani della galassia fondamentalista italiana, deducendone che la «missione» delle due fanciulle era quella di fornire kit di pronto soccorso ai drappelli di qaedisti composti da 18 combattenti, uno dei quali incaricato, appunto, del soccorso dei feriti. A dire il vero Yaser Tayeb afferma di non essere legato ad alcun movimento arabo, di essere stato richiesto di aiuti in danaro (mai incassati) e di una lettera di raccomandazione delle due fanciulle scritta in arabo. Lettera mai consegnata. Indizi, questi, che aggravano la posizione dei Greta&Vanessa, in quando indicano contatti e fonti di aiuto alternative. Probabilmente «engagé».

Del resto, una telefonata tra Tayeb e una non meglio specificata Titti, avvenuta alle 23 del 5 agosto 2014 ha per oggetto la notizia del rapimento già postata su Facebook. Titti chiede di rimuoverla subito. L’aspetto inquietante è che l’informazione è stata diramata dall’Ansa solo il giorno dopo, 6 agosto alle 17.14. Da chi e da dove l’avevano saputo i due?

Questo Tayeb, poi, in un’intervista rilasciata sabato 17, dichiara «Non sapevo che le ragazze volevano avvicinare i combattenti. Sapevo solo che volevano fare dei corsi per i medici …» Come si capirà meglio più avanti, dopo i curricula delle fanciulle, si tratta di un’altra macroscopica incongruenza: studentesse di 20 e 21 anni, agli inizi dei corsi, avrebbero dovuto insegnare a medici.

C’è un solo rilievo da muovere: poiché è di tutta evidenza che l’indiscrezione è «filtrata» non casualmente, si può supporre che si inquadri nello sgomitamento in corso tra i vari corpi dello Stato per accaparrarsi la primazia nella battaglia (e nei relativi mezzi) per la lotta al terrorismo. Le notizie emerse sulla galassia fondamentalista dovrebbero essere «fredde», cioè già utilizzate, altrimenti lo scoop sarebbe tragico autolesionismo. Sul punto non si può non ricordare che i Ros, nati dal Nucleo speciale antiterrorismo diretto da Carlo Alberto Dalla Chiesa (perno della lotta alle Brigate Rosse e affini), sono composti da personale di alta professionalità e motivazione e che, dovendo attribuire il comando delle nuove operazioni a un solo soggetto (com’è logico e necessario) hanno tutti i titoli per candidarsi a esserlo. 

Torniamo alle fanciulle rapite.

Prima di tutto un breve profilo, tratto dal periodico “Internazionale”, non certo ostile al trio, che ha riportato le note biografiche diffuse sul web dagli interessati. Già il trio, visto che Greta e Vanessa fanno parte di «Horryaty», una Onlus(del cui statuto e riconoscimento giuridico nulla è stato possibile conoscere), fondata da tale Roberto Andervill, fabbro di 46 anni, residente a Varese. Debbo chiarire che sino a sabato 16 gennaio 2014, mattina, questo Andervill era presente su Facebook con un proprio profilo. Poi, tutto ciò che riguardava lui medesimo e la sua Horryaty è stato rimosso. Per questa ragione non ho potuto verificare la verità di quanto riferito da alcuni giornali sulle espressioni antiebraiche di Andervill (tra le quali è stata riportata «merde sioniste»).

«Vanessa Marzullo, 21 anni, di Bergamo. Studentessa di mediazione linguistica e culturale (dove? Di quale anno?); attività internazionali e multiculturali (vista la mancata specificazione delle stesse, nulla); lingue: arabo e inglese (non è chiarito il livello di conoscenza). Volontaria presso Organizzazione internazionale di soccorso (quale?). Dal 2012 si dedica alla Siria, dalla diffusione di notizie tramite blog e social networks all’organizzazione di manifestazioni ed eventi in sostegno del popolo siriano in rivolta. Questo culmina nell’organizzazione e nella nascita del progetto Assistenza sanitaria in Siria - Horryaty. 

Greta Ramelli, 20 anni, di Varese, studentessa di scienze infermieristiche (quale anno?). Diplomata al liceo linguistico Rosetum dove ha studiato inglese, spagnolo e tedesco (livello scolastico, quindi). Volontaria presso Organizzazione internazionale di soccorso (quale?), operatrice pronto soccorso trasporto infermi e nel settore emergenza (livello operativo) (dove? Che vuol dire livello operativo? Fa le inframuscolo o le endovena?). Nel maggio del 2011 trascorre quattro mesi in Zambia nelle zone di Chipata e Chikowa lavorando come volontaria presso 3 centri nutrizionali per malati di aids, incluso alcune settimane presso le missioni dei padri comboniani. Nel dicembre 2012 ha trascorso tre settimane a Calcutta, India, dove ha svolto volontariato presso la struttura Kalighat delle suore missionarie della carità e ha visitato progetti di assistenza alla popolazione indiana presente negli slums. Attualmente si occupa principalmente di Siria, sia per quanto riguarda l’accoglienza profughi insieme ad altri volontari, sia per attivismo e per aiuti umanitari. Al momento collabora con il Comitato S.O.S. Siria di Varese, l’Associazione delle comunità arabe siriane e Ipsia Varese nel progetto Assistenza sanitaria in Siria – Horryaty (sulle comunità arabe siriane a Varese, sarebbe il caso che gli organi di sicurezza effettuassero approfondimenti adeguati). 

Roberto Andervill, 47 anni di Varese, fabbro. Dal 1998 a oggi nell’organico di Ipsia Varese, l’Ong delle Acli che si occupa di cooperazione e volontariato all’estero (la circostanza andrebbe verificata, poiché non è chiaro cosa significhi essere nell’organico). Dal 2011, dopo lo scoppio della rivoluzione, comincia a interessarsi alla Siria. Ma è nel 2014 che comincia il suo attivismo a favore della rivoluzione antigovernativa, con la partecipazione alla missione di sopralluogo nell’area rurale di Idlib dalla quale nasce il progetto Assistenza sanitaria in Siria - Horryaty.»

Veniamo a questa «ricognizione» asseritamente (come direbbe la Polizia) effettuata nel marzo 2014: “il progetto nasce dopo un sopralluogo effettuato da Roberto Andervill, Greta Ramelli e Vanessa Marzullo attiviste per la Siria.” 

Un fabbro e due studentesse. 

“Atterrati in Turchia …” sono stati “… accompagnati da una guida siriana nella sua terra, di preciso nelle zone rurali di Idlib, a sud ovest rispetto ad Aleppo. Durante questa prima visita si è cercato di instaurare un primo rapporto con la popolazione locale, al fine di capire le vere necessità e visitare i luoghi coinvolti nel progetto. In particolar modo sono stati visitati i due centri di primo soccorso di B. e H. …” (cosa nascondono le due sigle? E perché sigle e non i nomi propri?) “… dove c’è stata la possibilità di rilevare le principali problematiche nell’ambito dell’assistenza medica: carenza di personale adatto e di materiale essenziale per condurre assistenza sanitaria di base e di emergenza. Durante questa missione siamo stati sempre accompagnati e scortati da personale locale, con un alto grado di sicurezza.” 

In questa autodescrizione ci sono molte cose che dal punto di vista logico non funzionano: chi era la guida siriana e com’è stata reclutata? Forse si tratta di un contatto indicato dagli esponenti della comunità siriana di Varese o dal contatto bolognese? Non dovrebbe trattarsi di un contatto cristiano, visto l’ambiente nel quale sono stati introdotti i tre. Sarebbe interessante sapere in quale lingua si sono intesi con i siriani di Siria (e qui torna la curiosità sul livello di conoscenza di arabo e inglese).

Continua la relazione degli interessati: “In collaborazione con il personale medico presente sul posto si è deciso di attivarsi al fine di perseguire due specifici obiettivi:
1. Attivare un corso base di primo soccorso e rifornire alcune aree di kit di emergenza di primo soccorso corredati di tutto il materiale occorrente.

2. Garantire ai pazienti malati di patologie croniche di accedere alle giuste terapie rispettando i tempi, dosi e qualità dei farmaci. 

Dopo aver avviato il servizio il personale medico locale garantirà la continuità dell’assistenza mirata. Il secondo viaggio avrà lo scopo di consegnare il materiale comprato ed effettuare le visite mediche necessarie per avviare il programma terapeutico”. 

Qui le esigenze di chiarezza si accrescono: in una zona rurale e di guerra, quale personale sanitario è stato incontrato? Quale proposte tecnico-sanitarie sono state prospettate dal trio, un fabbro e due studentesse, una sola delle quali di scienze infermieristiche (primo o secondo anno)? Come avrebbero potuto Andervill, Marzullo e Ramelli garantire ai pazienti di accedere alle giuste terapie? Insomma, queste parole servono per la superficie: per sapere qualcosa di significativo (e per ottenere aiuti finanziari da gente soccorrevole, ma di questo non si parla mai), occorrerebbe elementi su malattie, terapie e sul presunto personale medico locale.

E veniamo al rapimento. 

Greta Ramelli e Vanessa Marzullo tornano in Turchia nel luglio 2014, attraversano il confine con il giornalista de Il Foglio Daniele Ranieri. Si dice con “nuovi aiuti”. Ma nella prima missione avevano effettuato solo un sopralluogo e dovevano essere a mani vuote. Altrimenti l’avrebbero scritto. Degli “aiuti” della seconda missione non si chiarisce nulla. Potrebbe trattarsi di tutto, dalla merendine ai pannolini visto che i mitra Beretta non possono viaggiare sugli aerei di linea. Anche i kit di pronto soccorso sono ingombranti e la loro presenza avrebbe suscitato, quanto meno, l’attenzione del personale presente nell’aeroporto di partenza (italiano).

Il 31 luglio, tre giorni dopo il loro ingresso in Siria, vengono sequestrate da un commando armato in località di El Ismo, a ovest di Aleppo, nella casa del Capo del Consiglio rivoluzionario locale che, a pagamento, le ospitava. Il commando avrebbe fatto parte del Fronte al Nusra – il gruppo che “rappresenta” al Qaida sul posto. 

Lo scorso ottobre il quotidiano libanese Al-Akhbar, vicino al movimento sciita Hezbollah (schierato con il regime di Damasco), scrive che le due italiane sono state attirate ad Abizmu da un attivista siriano conosciuto su Internet nell'ambito di un piano organizzato per rapirle e chiedere un riscatto. 

Se questo è stato il mondo di trovarsi un contatto, la sprovvedutezza del trio, sin qui formulata per “sospetti”, avrebbe una clamorosa conferma.

La contentezza per il ritorno a casa di Greta Ramelli e Vanessa Marzullo, quindi, non può farci dimenticare la loro storia.

Innanzi tutto che i progetti umanitari di Horryaty (assistenza sanitaria e ‘acqua’) sono indefiniti, né possono essere immaginati alla luce del «back-ground» dei tre componenti della presunta Onlus «Horryaty». A proposito, le ricerche effettuate sul web non hanno permesso di capire cosa significhi «Horryaty» né a quale lingua appartenga l’espressione.

Escluderei che il ministero degli esteri abbia erogato finanziamenti o che qualche benefattore ci abbia messo dei soldi, ma sarebbe importante una smentita ufficiale.

La vita mi ha insegnato che laddove non c’è chiarezza, c’è qualcosa di brutto da nascondere. E, anche in questo caso, non c’è alcuna chiarezza sulle persone, né sulla loro ‘immaginaria’ Onlus, né sulle loro intenzioni, giacché definire progetti quanto pubblicato su Facebook è contrario alla ragione.

A occhio, viene in mente una delle classiche paradossali vicende italiane, delle quali siamo stati protagonisti nel recente passato, dalle Simone alla Sgrena. Certo niente a che vedere con i «foreign fighters», ma probabile vicinanza con qualche siriano legato ai movimenti fondamentalisti (nella fattispecie qaedista) che hanno messo in piedi le varie guerriglie che animano il Medio Oriente. Se fosse vero che i tre hanno ottenuto il loro contatto in terra siriana via Internet, c’è da avanzare preoccupati dubbi di sanità mentale.

Ho troppo stima per Marco Minniti per non pensare che i servizi segreti hanno acquisito o stanno acquisendo maggiori e più approfondite informazioni su Anderville, sulle due «ignare fanciulle» e suoi loro improbabili contatti.

Si è detto che Greta e Vanessa siano andate in Siria per umana solidarietà nei confronti di coloro che, a causa della guerra civile, subiscono patimenti inenarrabili. Ma non è stato spiegato di quali risorse disponessero per compiere la loro missione. Dove hanno trovato i quattrini per i due viaggi aerei e soprattutto per il costosissimo autista siriano che li ha portati ad Aleppo nella prima missione. Quello della seconda scompare nella nebbia artificiale lanciata su tanti aspetti della vicenda.

Del resto, l’ultima riflessione ci dice che l’animo di Vanessa e Greta, colmo dell’ansia di solidarietà, avrebbe potuto trovare ampia soddisfazione in Italia, dove i poveri sono in crescita, per accedere alle mense della Caritas ci sono file interminabili, dove gli anziani soli, bisognosi di assistenza domiciliare sono decine di migliaia, dove i centri di accoglienza e di soccorso agli immigrati di qualunque nazionalità, ma di questi tempi, soprattutto arabi e siriani.

Perciò la ragione dei due viaggi (il primo con il «capo»), il secondo da sole, non può che essere lo spirito di avventura, nella migliore delle ipotesi, o la vicinanza alla Jihād, nella peggiore. 

Da tutto ciò che si legge sul web, il vantato collegamento con l’organizzazione cattolica di soccorso di Varese, è troppo indefinito per non essere messo in dubbio: potrebbe avere una funzione di sviamento d’attenzione e di «captatio benevolentiae» per le anime belle e buone.

In definitiva, i dubbi sono tanti, troppi, ed è necessario che qualcuno approfondisca il perché e il percome i rapiti si trovavano in un teatro di guerra, considerato «off limits» dal ministero degli esteri.

C’è poi il problema del riscatto milionario pagato per riavere le ragazze in Italia (di fatto confermato dal ministro Gentiloni venerdì sera: una eccellente «performance» televisiva, la sua). 

Non c’è da meravigliarsi: abbiamo sempre pagato i terroristi che utilizzavano e utilizzano i nostri soldi per armarsi e combattere i nostri alleati e noi, in qualunque missione siamo stati impegnati. Chi avesse voglia di spulciare i documenti americani disponibili sulle missioni Libano, Kosovo, Iraq e Afghanistan, sarebbe sorpreso di riscontrare quale sia la critica ricorrente nei nostri confronti: un flusso intenso di denari per i capitribù delle zone affidateci in modo da evitarci spiacevoli attacchi. In Libano, mentre centinaia di americani e di francesi cadevano a Beirut per gli attentati sciiti, gli italiani stavano a guardare perché gli uomini dell’«intelligence» militare versavano camion di dollari nelle casse dei capi del terrore. Così in Iraq e altrove. Queste sono le notizie che, a microfoni spenti, raccontano le exbarbe finte italiane.

Nel caso della Sgrena, poi, i comandi italiani avevano assunto l’impegno con le autorità americane e irachene di non pagare e di consentire, se la liberazione fosse avvenuta, che la giornalista fosse interrogata nella nostra ambasciata prima di fare rientro in Italia. L’aver pagato e la necessità di non farla incontrare con le autorità alleate (rivelando la violazione dell’intesa) spiegano razionalmente l’inspiegabile fuga di notte verso l’aeroporto che determinò la fine della vita a Calipari (e la successiva elezione della moglie in Parlamento).

Che poi, la missione ‘recupero di Ramelli&Marzullo’ sia stata difficile è tutto da vedere: sono infatti i rapitori che, normalmente, cercano i contatti italiani, anche diplomatici, per ottenere il fiume di denari per il quale siamo noti in Medio Oriente come in ogni altro teatro di guerra, compresa la Somalia.

Il governo serio di un Paese serio, dopo questa paradossale vicenda, dichiarerebbe che questa è l’ultima operazione di recupero di italiani liberamente in giro per il globo per spirito di avventura o per turismo.

Anche perché l’esperienza ci insegna che alcune volte è accaduto che parte dei quattrini destinati ai sequestratori rimanesse attaccata alle mani degli intermediari. Certo, in questo caso non è accaduto nulla di simile. Ma una cosa del genere potrebbe sempre accadere.

Altrimenti, la vicenda sarà un ulteriore incentivo per tutti i tagliagola, prime vittime giornalisti e fotografi italiani che, per lavoro, vanno in zone di guerra e di guerriglia.

Ma Renzi, che non è il serio capo di un governo serio, non lo farà, anzi si beerà, come i suoi predecessori, dell’effimera e superficiale popolarità del ritorno di Ramelli&Marzullo in terra italiana.

Ps: sarebbe il caso che lo Stato esercitasse una maggiore vigilanza sulle migliaia di Ong e Onlus che si dedicano all’assistenza in Italia e all’estero. In esse e tra di esse possono esserci casi anomali che vanno estirpati a tutela della pubblica buonafede di sostenitori e contributori.








19 gen 2015

Il "nazareno"..fra nomine e nuovi patti

di vincenzo cacopardo
E mentre Cofferati si prepara a riunire i ribelli del Pd anche in vista del voto per il Quirinale e Berlusconi corteggia tutta l'ala centrista moderata per poter scovare le vere intenzioni di Renzi sul nome del candidato, il patto detto del Nazareno (ossia la fatale intesa sottobanco tra Renzi e Berlusconi) prosegue in barba ad una politica parlamentare più debole che mai.

E' passato quasi un anno e questo patto continua a reggere per la mancanza di una politica dei Partiti ormai ridotti a veri ectoplasmi in mano a leaders che pensano che la politica possa guidarsi attraverso il loro assolutismo ed una comunicazione fittizia costruita sull'inganno.
Il 18 gennaio del 2014 Matteo Renzi e Silvio Berlusconi si incontravano nella sede del Pd per siglare l'intesa su riforme istituzionali e nuova legge elettorale. A Palazzo Chigi sedeva ancora Enrico Letta, ma l'amico “sindaco d'Italia”..falso quanto mai.. era pronto a defenestrarlo forte dell'appoggio del cavaliere. Ad un anno da questa inquietante storia ...la politica sembra ancora dormire ed attendere che il nuovo messia Renzi indichi la strada per la definizione di quelle riforme che continuano a non piacere e che appaiono solo frutto di pura semplificazione e di una strategia a favore di qualunque possibile governabilità...
Al di là di una intesa su una nuova legge elettorale che politicamente dovrebbe ricercarsi attraverso intese partitiche più diffuse ed ampie..la politica di questa nostra Nazione appare svolgersi più come un giochino a carte tra questi due personaggi: I due attendono il carico di briscola per poter chiudere la partita.. che in realtà coinvolge non poco la vita sociale e politica di un Paese ormai stremato...Ma molti cittadini..stolti.. paiono gradire questi giochini come fossero parte di una commedia inevitabile..una vera tragedia che in realtà peserà sempre più sulla loro vita e sulle loro tasche..
Vi è tuttavia la sensazione che l'intesa tra i due (Renzi-Berlusconi) possa allargarsi anche al Quirinale arrivando a individuare il nuovo successore ..Un accordo che potrebbe trovare ulterirori concordanze per le riforme istituzionali (in discussione alla Camera) e per l'Italicum (che si sta votando al Senato). ...Insomma la sensazione chiara è quella di un Parlamento che non conta più nulla e di Partiti ormai allo sbando.....Governa Renzi...e domina insieme a Berlusconi...non muovendosi più foglia che i due non vogliano..Come ci si può dunque meravigliare che vi siano personaggi che fuggano dal PD..e da FI..quando gli stessi partiti restano condizionati dalle decisioni antidemocratiche di un simile patto detto “del Nazareno”?
Ancora peggio se i nomi che sembrano prospettarsi per la nuova carica dello Stato dovessero trovare una intesa su personaggi come Veltroni..figure simbolo della peggiore semplificazione della politica (di stampo yankee)... che lascerebbe strada aperta verso riforme tanto ridotte..quanto utili per le facili iniziative volute da Renzi: monocameralismo con forte premio di maggioranza ed alte soglie di sbarramento per la definizione di un bipartitismo di chiusura ad un più alto principio di rappresentanza democratica e di apertura verso una governabilità forte e sempre più deformante.  




18 gen 2015

Qual'è la verità?

di vincenzo cacopardo
Un po' ambiguo e meno diplomatico del ruolo che dovrebbe assumere..quello del neo ministro degli esteri Gentiloni. La sua informativa a Montecitorio sulla liberazione delle due volontarie rapite in Siria pone degli equivoci e le voci di un riscatto non sono del tutto da escludere. Non è di sicuro un tema da sottovalutare poiché Gentiloni è apparso sfuggente e contrario ad entrare seriamente nella questione aggiungendo solo frasi contenute e scontate:«nei confronti di italiani presi in ostaggio la nostra priorità e indirizzata alla tutela della vita e dell'integrità fisica dei nostri connazionali».
La domanda che in tanti ci poniamo è quindi quella di poter conoscere la verità circa un possibile pagamento per tutelare le due ragazze Vanessa Marzullo e Greta Ramelli, ...Gentiloni continua a dirsi sorpreso e addirittura anche stupito per queste voci prive di ogni fondamento. In tutto questo il Premier..sindaco d'Italia Renzi getta acqua sul fuoco e... senza si e senza ma..protegge le affermazioni del suo ministro.
Se Matteo Salvini ed il Movimento 5Stelle restano in allerta accennando polemicamente sul fatto..e dichiarandosi poco soddisfatti della replica del Ministro, di sicuro il fatto, come i tanti di questo Paese, sarà destinato a restare senza alcun riscontro sulla verità: si è pagato o no? La cosa non può restare di poco conto... giacchè uno Stato che paga è uno Stato che rimane condizionato ed un governo che non dovesse dire la verità in proposito, non può di certo essere ben giudicato. Inoltre sembrano crescere voci ed illazioni circa le ragioni per le quali le due ragazze si erano trasferite in Siria. Le due ragazze sono state prese... sono state interrogate e successivamente rilasciate. Ma molte cose sembrano non tornare. Ci sono voluti oltre cinque mesi . Naturalmente ...l'accusa di qualche Stato verso l'Italia potrebbe essere quella di non vederci chiaro con un rischio che rimane quello di finire col finanziare il terrorismo islamico pagando questi riscatti.

Ma qual'è la verità.?..E' giusto che venga fuori?

15 gen 2015

Veltroni... di buon auspicio per la politica semplificativa del Premier

Il nome di Veltroni per la nuova presidenza della Repubblica è uno fra quelli più gettonati. La sua presidenza potrebbe risultare la peggiore beffa per i piccoli Partiti. La mentalità alquanto "yankee" del personaggio potrebbe piacere tanto a Renzi poiché il pensiero rimane simile nella visione alquanto restrittiva di una democrazia..una democrazia molto più simile a quella americana che, nella sua semplificazione... finisce, se pur inconsapevolmente, col premiare lobby e potentati.

Con una presidenza simile..si chiuderebbe definitivamente il cerchio...mettendosi in atto un monocameralismo bipartitico che porrebbe argine a qualsiasi dialogo di una politica più libera e democratica. Veltroni rappresenterebbe un punto fondamentale per Renzi che potrebbe così permettersi di premiare la sua governabilità spinta dall'alto.

Sono in molti a pensare che ciò potrebbe essere un bene per la politica del futuro, ma è un grossolano errore pensarlo dato che è già stato dimostrato che il voler ingabbiare la democrazia con modelli bipolari o peggio bipartitici, ha solo portato danni. Si parla da anni di posizioni politiche costruite attraverso una ideologia che continua a spingere, in modo assai sprovveduto, nelle due rigide polarizzazioni la politica. Due poli che hanno già generato un’incomprensibile limitazione del pensiero politico e che hanno rafforzato sempre più una radicalizzazione delle figure contrapposte. L’avere portato avanti un simile sistema per lungo tempo… senza alcun metodo e per un restrittivo bisogno di operare una qualunque governabilità…la dice lunga sulla incapacità dei tanti che hanno voluto intraprendere questa attività per il piacere di accomodarsi in una poltrona col beneficio di una lauta ricompensa. 

Malgrado ciò..qualcuno pensa che nel passato non sia stato possibile muoversi in tal senso perchè le regole e le riforme non erano ancora state messe in atto, Ma oggi il quadro appare diverso ed un premier forte coadiuvato da un capo di Stato simile nel pensiero, potrebbe chiudere quel cerchio istituzionale dando corpo alla peggiore operazione della semplificazione politica del paese.
vincenzo cacopardo

un commento alla interessante analisi di Domenico Cacopardo

Il benaltrismo è al lavoro in Italia. 

E con successo.
di domenico Cacopardo

Non potrebbe essere altrimenti, visto l’effetto consolatorio che ha sugli ignavi, sui paurosi, su coloro che non possono indentificarsi con nient’altro che il nihilismo di chi si è escluso, si tratti delle battaglie democratiche, civili o semplicemente per rimettere in moto il Paese, secondo le regole che governano il mondo d’oggi.

Sono al lavoro, i benaltristi, intorno agli attacchi terroristici di Parigi e cercano e trovano argomenti nel coraggio dissacratorio dei giornalisti di Charlie Hebdo, nella situazione della stampa nelle nazioni rappresentate nel corteo di domenica 11 gennaio, nell’invenzione di scenari improbabili e francamente stupidi di un complotto dei servizi segreti (il complotto dei servizi segreti o dello Stato è una mania nazionale che non si ferma, purtroppo, ai benaltristi e colpisce anche in altri ambienti e città) o del sionismo internazionale. Si è arrivato a invocare, sul web, Cesare Lombroso per etichettare i vignettisti uccisi, per affibbiare loro una qualche ascendenza semita.

Tutta porcheria, naturalmente, che, però, nutre chi ama la coprofagia e la coprolalia (nutrirsi e parlare di feci). 

Non è ancora il momento di abbandonare la questione terrorismo islamico e situazione dell’Europa. Anche per dire ciò che non è stato detto sulle reazioni della comunità islamica francese: nelle carceri d’Oltralpe si è inneggiato ai terroristi; manifestazioni spontanee di consenso si sono avute in Tunisia e, in tono minore per il timore della reazione governativa, in Algeria; modestissima la partecipazione alla marcia di domenica 11. Sul web impazza la frase «Je suis Charlie Coulibaly», lanciata dal comico, si fa per dire, Dieudonné M’bala M’bala.

Ora, tornando al tema principale, occorre ricordare che l’espressione «date a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio» di Gesù Cristo non è contemplata dal Corano. Infatti, nelle sue norme, non c’è distinzione tra legge di Dio e leggi degli uomini, talché, nella commistione, prevale naturalmente la legge di Dio, cioè l’Islam, nell’interpretazione più integralista. I tribunali applicano, quindi, questa legge e mandano a morte tutti coloro che osano violarla: si tratti dei cristiani che vivono in paesi islamici, si tratti di due giovani donne sorprese a guidare l’auto nella ricchissima Arabia Saudita, si tratti dello studente egiziano che s’è dichiarato agnostico. 

E qui viene la considerazione che spiega molto del disagio attuale: anche da noi l’uomo, abbandonato dalla compagna qualche volta la uccide. Segno di una destabilizzazione totale di menti immature che, attraverso l’assassinio, pensano di recuperare l’equilibrio sociale e familiare turbato. 

Un fenomeno consimile, ma di massa, si manifesta nel mondo islamico, scandalizzato dalla libertà della donna occidentale, dai suoi diritti civili, dal suo ruolo, crescente, nella società e nella famiglia, dall’affermarsi di una sempre più sostanziale parità tra sessi.

È questa l’ossessione ricorrente nei documenti dei gruppi integralisti e terroristici che occupano le scene dell’Oriente maomettano e dell’Occidente. 

C’è poi l’aspetto politico dello «jihādismo»: è di tutta evidenza che l’uso strumentale della religione da parte di coloro che vogliono assumere o consolidare un potere interno alla galassia islamica. E che gli assassinii efferati vogliano colpire la mente, prima di tutto, dei correligionari, portandoli sulla strada di un’obbedienza cieca e assoluta. Ma il fatto che la guerra sia infraislamica non assolve i movimenti «jihādisti», che intendono soggiogare coloro che, credendo in Allah, vivono nel mondo occidentale.

Tuttavia, un effetto positivo l’attacco di Parigi può sortirlo: se, infatti, l’Unione europea deciderà di mettere «a fattor comune» i servizi di «intelligence», con la necessaria autonomia operativa e lo strumento giudiziario, impedendo il «dumping» di giustizia (praticato soprattutto dalle nostre parti per una incomprensibile indulgenza nei confronti del fenomeno), per la seconda volta nella storia (dopo la Lega santa diretta da Giovanni d’Austria vincitore a Lepanto), l’Europa potrà affrontare gli estremisti in modo unitario e, come sempre, batterli. Quanto all’Italietta, un Paese senza «weltanschauung» (visione), sarebbe bene che si abbandonasse l’idea di affidare alla procura nazionale antimafia le questioni relative al terrorismo islamico. Sia perché i due fenomeni (mafia e terrorismo) non sono confrontabili, sia perché si creerebbe un superpotere giudiziario di cui francamente non abbiamo bisogno in tempo di teoremi sullo Stato terrorista o mafioso, sia perché la specializzazione di chi si occuperà del problema dovrà essere estrema e comprendere una capacità operativa (con la libertà di adottare decisioni estreme) che non può aspettare i tempi di decisione giudiziaria.

Sullo sfondo –e ne parleremo- crescono le possibilità di un intervento in Libia e, poi, nel territorio dell’Isis. Al netto della diserzione, imperdonabile, di Barak Obama e del suo imbarazzante segretario di Stato: assenti a Parigi, assenti sul terreno della solidarietà, si dissolvono nella nube grigia dell’insufficienza politica e istituzionale.



Quando scrive Domenico Cacopardo..si scopre l'impronta chiara dell'uomo di cultura colto e preparato che non riesce però a nascondere, alcuni condizionamenti legati ad una visione sistemica occidentale che ne appanna ogni possibile altra visione più oggettiva, finendo col mettere in continua contrapposizione due mentalità che per storia e per cultura non potranno mai essere comparate senza una giusta predisposizione analitica. Nella sua interpretazione fra i due mondi (occidente - oriente) Cacopardo finisce col parlarci dei tanti che si permettono di difendere un popolo che crede fermamente alla propria religione ed alla sua cultura... cioè l’Islam, nell’interpretazione più integralista. 

Ma non credo che l'Islam sia solo questo! 

Il richiamo alla donna occidentale, dai suoi diritti civili, al suo ruolo, crescente, nella società e nella famiglia, dall’affermarsi di una sempre più sostanziale parità tra sessi è un chiaro esempio di come la civiltà occidentale si sia sviluppata in positivo ..e non si può che essere d'accordo con Domenico, ma il vero problema da superare è il metodo con il quale si deve affrontare il dialogo con chi oggi si pone in modo sostanzialmente diverso.... Pensare di poter convincere tout court una cultura popolare cosi estesa nel mondo.. dominata da una religione così diversa dalla nostra...o ancora peggio... separare con un muro le due visioni, è stato l'errore madornale con cui si è proseguito e che non potrà mai portare nulla di buono. Il vero ostacolo da superare è quello di saper porre un dialogo senza offendere nel rispetto reciproco delle due culture religiose.

Il “benaltrismo” a cui fa riferimento Domenico Cacopardo.. si esprime come “un abuso del principio di precauzione”... quando si intendono invocare altre analisi e controlli fino ad allora non richiesti né ritenuti necessari. Ma nella fattispecie sarebbe poco logico non affrontare le opportune analisi, poiché si rischierebbe di non coglierne alla base i vari aspetti..

Fare di tutta un erba un fascio, al contrario, sembra tipico di chi è consolidato nel sistema e che pone la propria mentalità in posizione dominante rispetto a qualsiasi altra visione... Questa interpretazione è fin troppo leggera se non si approfondiscono altri aspetti ed il mondo occidentale, in proposito, non è nemmeno in grado di insegnare queste verità..

Non possiamo affermare verità occidentali.. come non possiamo che rispettare quelle culture orientali che poco ci convincono..Ma anche le regole che governano il mondo occidentale di oggi non esprimono per nulla alcuna perfezione..anzi ..si dimenticano spesso dell'importanza di un welfare a favore del bene comune... promuovendo sempre più la ricchezza dei pochi attraverso un sistema del libero mercato mai messo in discussione da possibili nuove regole. Non parliamo poi delle regole della democrazia...una sovranità popolare ormai non presa più in considerazione e schiacciata continuamente dai continui governi imposti attraverso subdoli giochi di potere che sovvertono il fine di ogni contenuto di rappresentanza.

Malgrado ciò..non vi è dubbio che i paesi occidentali dimostrano molto più rispetto per l'uomo poiché legate ad un concetto cristiano concentrato sull'amore verso il prossimo. Un rispetto per una sorta di uguaglianza democratica. Ma non possiamo nemmeno pretendere di rivoluzionare la mentalità di chi ha una cultura che, per motivi storici e religiosi è ormai integrata e strutturata al suo interno. 

L'Islam conta ormai più di un miliardo e mezzo di fedeli...Come si può non far caso ad una simile moltitudine di devoti o addirittura pretendere di dimostrare gli errori e gli equivoci della loro diversa cultura religiosa.... se non attraverso uno sforzo d'integrazione ed un dialogo serio e costruttivo?.. Non è di una dimostrazione di forza che abbiamo bisogno, ma di saper comprendere senza provocare.

L'azione promossa da “Charlie Hedbo” ..pur con infinito rispetto che si deve ad ogni vita umana...e con altrettanto sdegno per le efferate stragi inammissibili oltre che intollerabili….non è mai stata una vera espressione di libera satira e non ha mai aiutato questo bisogno di dialogo con l'oriente ..Non possiamo sottacere la continua provocazione estremizzata ed i giudizi deplorevoli su alcune vignette anche nei confronti del nostro Pontefice portate avanti con ostinazione e spesso senza alcun senso ironico convincente...Questa non sembra vera satira.. e non può essere giustificata in tutto, ma se si afferma questo si viene presi per anti occidentali...nulla di più antidemocratico e falso!..Quindi la libertà è sempre condizionata dal sistema persino nel mondo occidentale.. anche nei casi in cui si tende ad esprimere un libero pensiero nel rispetto reciproco...

Non vi sono solo casi di benaltrismo..quando si cerca di dare un equilibrio alle cose attraverso le dovute analisi .. E le analisi meglio farle che evitarle...
vincenzo cacopardo