10 dic 2018

PIANI DI INVESTIMENTI..E SUD


di vincenzo cacopardo

Un piano del governo di oltre 200 miliardi di euro di risorse per i prossimi 3 anni per sostenere il rilancio del Paese. Trasformare l’Italia in un Paese sempre più competitivo, capace di attrarre gli investitori e riportare indietro i cervelli in fuga. Crescita in chiave innovativa e per lo sviluppo dell’export. Intervenire sugli edifici scolastici, realizzare interventi di manutenzione stradale e anche rafforzare il trasporto pubblico. Più autobus per tutti e anche ecologici, visto che un altro ambito di intervento sarà proprio quello dello sviluppo sostenibile, con un focus su mobilità, energia e ambiente.

Belle parole!.. Con la speranza che possa realizzarsi questo sviluppo, ma per il Sud? 
Il problema dell'odierno Governo sta ancora nel fatto che non si voglia mettere in evidenza la enorme differenza con il resto del territorio nazionale e soprattutto con quella di un Nord industrializzato.

Non lo si fa o no lo si vuole fare forse perchè lo stesso Salvini ha più interessi con l'elettorato del Nord e gli conviene sempre meno sottolineare questa differenza..anche per via del fatto che vorrebbe la sua Lega come un partito presente ovunque che si diffonda e si occupi indifferentemente di tutte le aree del Paese in modo forse fin troppo approssimativo rafforzato da una narrativa fin troppo ostentata..
Vi è una evidente differenza sia nei fatti che nei consensi tutt'ora proiettati in modo inferiore rispetto a quelli che al sud ha avuto il Movimento 5stelle...e vi è di certo una mancanza di progetti utili occorrenti per sviluppare questo territorio ricco di tesori naturali oltre il dovuto per accrescere il turismo.

Da un'altra parte, malgrado un Ministero in mano al movimento pentastellato.. (di cui almeno una stella dovrebbe brillare in favore del Sud) non sembra esservi una giusta attenzione per questo territorio. Un ministero che dovrebbe quantomeno essere tra i più importanti, ma che in realtà pare esser stato creato quasi per caso e di cui i problemi rimangono ancora sottovalutati.
Sappiamo da tempo che gli investimenti a pioggia soprattutto per le aree del mezzogiorno servono a poco tranne che a creare maggiore spreco...inferiore crescita e persino corruzione. E' importante saper percepire le grandi differenze per gli investimenti tra le diverse aree che per natura, storia, cultura imprenditoriale e patrimonio artistico.. rispecchiano una chiara differenza.

Purtroppo per mancanza di un vero impegno e per comodità si rischia la vecchia strada degli investimenti senza un progetto connaturato con l'ambiente ed il territorio... e per quel tanto declamato cambiamento in sud dovrà ancora attendere.

7 dic 2018

Quel “reddito” di cui tanto si parla


di vincenzo cacopardo

Qualcuno sottolinea fondatamente i nuovi dati allarmanti sulla povertà!

Secondo quanto comunicato dall’Istat, circa il 29% delle persone residenti in Italia sono a rischio povertà o esclusione sociale, il 10,1% si trova in condizioni di grave deprivazione e l’11,8% vive in famiglie in cui nessuno dei componenti ha la possibilità di lavorare. Questi dati ci confermano quanto sia urgente e fondamentale una misura come il Reddito di Cittadinanza. Di fronte a questa drammatica fotografia della realtà mostrata dall’Istat risulta ancora più squallido chi ha il coraggio, ancora oggi, ogni giorno in tv e sui giornali, di gettare fango sul Reddito di Cittadinanza”.

Poi continua sostenendo che:
ciarlatani che, di fronte a questa triste realtà che è sotto i nostri occhi ogni giorno, minimizzano o addirittura sbeffeggiano il valore sociale del Reddito di Cittadinanza, dovrebbero guardarsi allo specchio, tirare fuori un briciolo di umanità e vergognarsi. I rappresentanti della vecchia classe politica e tutti i soloni della carta stampata che blaterano di assistenzialismo, hanno per anni ignorato completamente le condizioni reali in cui versa una parte così consistente dei nostri concittadini. Non diamo mancette, diamo una opportunità. Non facciamo assistenzialismo, diamo una mano a rialzarsi e rimettersi in gioco.”


Con tutto il rispetto che si deve ad una forza politica di movimento che cerca in ogni modo di stare al fianco dei cittadini, quello che si mette in discussione non è il fatto di un sostentamento per le fasce più deboli, ma l'opportunità di un lavoro (persino stabile) per quanto attiene la realtà del mezzogiorno.

Al di là del fatto che vi siano ciarlatani e soloni che per becero principio politico ed astio contro un Movimento contrastino a priori questa manovra, il reddito di cittadinanza di incertezze ne pone: Ne pone specificatamente sulla ricerca del lavoro e non sul fatto che debbano sostenersi le fasce più disagiate del nostro Paese. Da un'altra parte vi sono anche gli sfegatati ed assoluti assertori di questa ricetta che sembrano camminare col paraocchi... sempre pronti ad aggredire se qualcuno volesse porre qualche dubbio in proposito su questo cavallo di battaglia del Movimento! Dubbi sacrosanti..e non contrasti di principio politico!

Si pongono dubbi sul fatto che i centri di collocamento per espletare bene la loro funzione necessitano di tempo... e non poco (anni)..Pur tuttavia un centro di collocamento ha bisogno che di proposte ne arrivino... ed al Sud..per come è ridotto.. non vi è alcuna certezza che queste possano pervenire..Non ve ne è ora di lavoro.. perchè di colpo dovrebbe esservene domani senza investimenti precisi?

Se è giusto e lecito sostenere una parte del popolo in disagio attraverso un sussidio o una pensione decente...potrebbe apparire non appropriato chiamare reddito un sostegno fino a che non si abbia una certezza che questo provenga da un lavoro sicuro. Sarebbe stato più sensato e meno discutibile chiamarlo un “sussidio di cittadinanza” in attesa di un reddito..programmando un riassetto dei centri ed infondendo maggiori risorse per investimenti.

Può darsi che qualcuno come me si sbagli..qualcuno che vive nel Sud.. in una terra dove giorno per giorno si riscontra con una realtà ben diversa da quella del Nord. Una realtà dove prevale ancora la furbizia come mentalità radicalizzata difficile da estirpare e dove le scappatoie sono all'ordine del giorno.
Quindi sì alla parte riferita ad un sussidio ..e dubbi su quella di un reddito da lavoro sicuro! Rimanendo nella fattispecie in attesa di riscontri che possano capovolgere le incertezze fondate su una realtà che..purtroppo.. ben si conosce.



29 nov 2018

I LEADER DI UN GOVERNO COMPLICATO




Il leader dei 5Stelle disprezzato e vilipeso dalle forze politiche tradizionali e dalla stampa..Salvini molto meno!..Rimane ancora protetto dalla stampa di una destra speranzosa di un suo ritorno con Berlusconi!

di vincenzo cacopardo

Dopo i contratti in nero del papà che hanno di certo messo in imbarazzo il vicepremier (dei quali lui non è responsabile)...adesso altra spazzatura sul lavoro in pizzeria dello stesso Di Maio. La stampa si accanisce in modo selvaggio contro il ministro dello sviluppo economico e del lavoro. Sintomo che non vi è altro di più interessanteper attaccarlo... tranne che il vergognoso ripetuto cortile!..
La stampa e certi giornalisti, soprattutto quelli legati ai due schieramenti dei vecchi partiti tradizionali, non si occupano di altro... freneticI ed in delirio per impallinare Di Maio...

Ma dico?: si può di certo criticare il ministro ed il suo Movimento per le scelte sulla manovra (anche se spesso con la solita pesante retorica) ..Si può restare incerti sulle riforme sul reddito di cittadinanza..sulla quota cento..e su altri aspetti poco convincenti..! Invece di cosa ci si occupa con la solita enfasi e con i primi titoli sulle testate? Di colui che ormai con dileggio chiamano col nome di "Giggino" e che probabilmente paga l'aspetto giovanile e qualche incertezza sulla formulazione di qualche verbo!

Alla sette, con la complicità netta del presentatore di Di Martedì, gli hanno fatto il terzo grado con domande insignificanti sulla storia di suo padre .. mettendola in riferimento con la storia della banca Etruria: Una storia che non può avere alcun paragone con quella banca e col padre della Boschi..poichè staccata da ogni riferimento diretto con lui e l'attività di governo. Ricordo in proposito che l'ammonimento sui fatti della Banca Etruria rimarrà sempre focalizzato sul piano politico ..poichè strettamente legato alla ex ministra ed ai suoi atti politici..per il resto.. sarà la magistratura a definirne i contorni sull'aspetto giudiziario..mettendo in evidenza i possibili conflitti o altro...

Quello che oggi lascia perplessi è l'accanimento contro il leader del Movimento Una perseveranza critica assai sbilanciata rispetto a quella indirizzata verso l'altra forza di governo in mano a Salvini... E tutto ciò non può che avere una sua ragione politica: Mentre il Movimento 5 Stelle è mal visto ed attaccato da ambedue le forze tradizionali (destra-sinistra), il leader della Lega viene criticato soprattutto a sinistra. Salvini gode di una certa complicità con una destra (con la quale la vecchia Lega ha governato)..che spera ancora in una possibile futura alleanza..

Tuttavia il progressivo consenso di Salvini è anche in parte collegato all'unione con i 5 Stelle che (si voglia o no)..rappresenta la novità di questo cambiamento voluto da chi ha votato... proprio perchè un ritorno con i vecchi alleati Berlusconiani gli potrebbe togliere l'approvazione di chi oggi lo sostiene. Se oggi staccasse la spina con l'attuale alleanza potrebbe rischiare di perdere i vantaggi di una immagine mutata del suo partito rispetto ad un passato nordista.

25 nov 2018

NEL VECCHIO CARROZZONE CHE PORTA ALLE EUROPEE



NON SI SCORGE ANCORA UNA POLITICA MARCATAMENTE MERIDIONALISTA A BENEFICIO DEL SUD E CI SI RELAZIONA DI CONTINUO CON FORZE POLITICHE ORMAI VECCHIE”
di vincenzo cacopardo

Quando si parla di elezioni in Sicilia..di qualunque tipo siano...ci si accorge di quanto non sembriamo più destinati a crescere...Ci si accorge di come restiamo ancora attaccati al vecchio barroccio dei Partiti obsoleti e di qualche personaggio del passato che insiste nel territorio ormai martoriato dalla indifferenza e dalla incapacità di chi dovrebbe farlo risorgere. Nel caso specifico si parla delle Europee che sotto la guida dell'astuta e metodica Meloni vorrebbe lanciare un “nuovo” soggetto politico dove si vedranno uniti i partiti che una volta seguivano insieme l'ombra del Cavaliere.

Costruiamo insieme un grande movimento dei conservatori e dei sovranisti'”.Lancia con una certa enfasi questo messaggio la leader di Fratelli d'Italia volendo trascinare in realtà tutto il vecchio possibile che nell'isola politicamente ha già abbondantemente dato ..

Diciamo dunque che siamo rimasti ancora al passato.. Con Musumeci..e la sua diventerà bellissima (ma quando?)..l'altero Miccichè e quel che resta di una FI con gli evidenti spropositi politici del passato...la stessa Meloni nata politicamente sotto l'ombra di Fini..il silenzioso Armao che aspirava ad un separatismo..il guardingo professore Lagalla..che malgrado i suoi propositi di far nascere un suo movimento rivoluzionario per la Sicilia si è rinchiuso in un silenzio accondiscendente.. “Noi con l'Italia” di Saverio Romano, Renato Schifani..La Russa..Un carrozzone nel quale non mancherà di certo la figura dell'opportunista Vittorio Sgarbi...etc..un allargamento delle forze che (si dice) potrebbe persino includere anche i Coraggiosi di Fabrizio Ferrandelli..

Sembra quindi che la Meloni vorrebbe far nascere un nuovo soggetto politico(nuovo si fa per dire).. rifondando un centrodestra a livello nazionale. Un’operazione di restyling pre-elettorale includendo la politica siciliana ed i vecchi personaggi di una volta..prodigandosi persino in apprezzamenti per chi ancora oggi non ha dimostrato capacità di far progredire la nostra regione.

Queste delle Meloni sono le solite azioni pre elettorali che sostengono sempre una politica del passato tendente a lasciare le cose come stanno poiché priva di vere idee tranne che quella di contrapporsi ad altre forze opposte. In questi ultimi anni si è ricercato in tutti i modi di far comprendere quanto importante fosse chiudere la porta ad un passato politico ed il grimaldello lo ha avuto in mano un Movimento che nel bene e nel male ha tentato di incunearsi tra le due forze politiche contrapposte per interrompere il giochino pesante delle comode alternanze. Nel frattempo Matteo Salvini assorbe sempre più consenso anche per il fatto che non si vedono alternative più valide...mettendo tutti all'angolo.

Adesso... al di là di come oggi si pone strategicamente.. il M5stelle un risultato di rottura lo ha comunque ottenuto..Tocca ai cittadini dell'isola non farsi ri-incantare dalle vecchie strategie di quei politicanti per dare vita a nuove forze politiche che possano sostenere un vero sviluppo dell'isola ed una forza polica un po' più marcatamente meridionalista in contrapposizione alla politica nordista al fine di riequilibrare l'evidente divario.


23 nov 2018

LA STRADA VERSO UN NUOVO BIPOLARISMO?..



di vincenzo cacopardo
Come avevo più volte scritto nel mio blog... il governo non ha scelta se non quella di restare in piedi fino alle nuove elezioni europee. Questo... malgrado i malumori tra Salvini ed il Movimento di Di Maio... impone di trovare una qualsiasi intesa per far passare la manovra con il benestare delle due forze governative.

Il contratto su cui si è basato l'accordo di governo pone forti perplessità in considerazione delle evidenti differenze delle proposte che ancora oggi non riescono a trovare una equilibrata sintesi. Di certo questo andazzo, a detta di tutte le valutazioni e dei consensi, non può che ridurre la forza di un “Movimento” in favore di una “Lega”. Se Salvini, tende a voler tirare questo elastico al fine di romperlo, per costruire nel futuro una forza bipolare in contrasto con il Movimento, avrà almeno bisogno di attendere fino alle elezioni Europee.

Di certo, come ci si aspettava, la tensione rimane alta e soprattutto a spese dello stesso presidente del Consiglio che...malgrado le energie messe a disposizione per compendiare..sembra costretto a doversi sottomettere di volta in volta ai capricci dell'una e dell'altra forza politica.Qualcuno afferma che in questa unione di governo sia stato necessario mettere per iscritto i punti del programma proprio perchè per alcuni di questi non si era d'accordo: Punti del programma che sono rimasti indecisi e quindi non definiti. Probabilmente sarebbe stato necessario affrontarli per trovare una utile sintesi ancor prima del passaggio in Parlamento. La inquietudine di chi ha votato per un cambiamento rimane proprio questa e cioè: Fino a che punto queste differenze potranno riuscire a colmarsi per raggiungere e trovare quel giusto e positivo compendio?

La circostanza strana di questo accordo politico.. che pian piano si è costruito malgrado le tante differenze degli alleati..rimane il fatto che sia venuto fuori attraverso un sistema elettorale proporzionale.. tuttavia destinato nel futuro a tendere quasi meccanicamente a ricostruire un sistema bipolare. Questo anche per via di una legge elettorale non ben definita e cioè non integralmente proporzionale. Tutti gli sforzi per ricostruire un sistema proporzionale secondo le giuste logiche.. sembrerebbero risultati vani e la politica continuerà perciò a rincorrere il sistema bipolare continuando a contenere le posizioni dei cittadini nell'ambito delle due monolitiche posizioni di un tempo.

In un certo senso si perderà quella efficacia del principio parlamentare al quale il proporzionale offriva la base per un maggior confronto e che per Costituzione renderebbe valore a tutto il nostro sistema politico.



22 nov 2018

POLITICA ODIERNA: nuove possibili prospettive ed opportunità?.




Invece di continuare a perdere tempo.. offendendo ed insultando il nuovo governo Lega-Cinquestelle...le opposizioni si dovrebbero occupare a  riorganizzarsi in modo positivo per una nuova politica. Le offese non pagano mai..le nuove idee.. si!

Almeno un domani si potrebbe sperare di avere forze più innovate ed utili per una politica migliore. Il momento è più che appropriato..ed, al di là delle legittime prese di posizioni in Parlamento, è pensabile che in questa fase si possa profittare per la ricostruzione di organizzazioni politiche che chiudano completamente la porta col passato e riavviino una nuova fase politica ricca di nuove figure e idee che potrebbero offrire nuove speranze.

Le continue offese, unite al perseverante richiamo su una manovra errata(che prima o poi passerà anche se con qualche piccola modifica), non possono portare alcuna acqua al mulino delle vecchie formazioni politiche. Il problema sta nel fatto che gli stessi che oggi deprecano le manovre della maggioranza... quando erano al Governo... non hanno dimostrato capacità di risolvere le annose problematiche.. mentre ora.. all'opposizione.. sembrano avere tutte le ricette giuste. In qualunque talk le opposizioni si distinguono di continuo per le loro lamentele che appaiono più rimostranze e proteste poco produttive. Una reale opposizione la si lasci in Parlamento punto per punto!

Al contrario bisognerebbe che le vecchie organizzazioni politiche comprendessero l'importanza di un vero e sano rinnovo.. sia come immagine che come contenuti. Quel riformismo di cui tanto ci si riempie la bocca dovrebbe partire proprio dalla base.. e cioè dalla nascita di nuove forze..di organizzazioni politiche che studino nuovi programmi (senza ostentare in quella contrapposizione verso quelli degli altri)...di figure che si immedesimino su una attenta ricerca dei veri bisogni di una società moderna e dei veri importanti valori della politica come..il metodo.. l'equilibrio ed il funzionamento.
Non ci si accorge che si aprono nuove possibili prospettive ed opportunità per la politica.. dopo un periodo che ha visto una sorta di rottura col vecchio sistema di una volta..Da queste ceneri qualcosa di nuovo dovrebbe di certo giungere!



19 nov 2018

PD: Minniti.. e gli altri...



PD: come si gira...spuntano sempre gli stessi …con l'immagine ricercata del riformismo e dell'innovazione..
di vincenzo cacopardo


Adesso anche Marco Minniti si dichiara autonomo rispetto al passato governo! L’ex titolare del Viminale pare rinascere dalle ceneri di un passato che non gli appartiene.. .rivelandosi come colui che ritiene di avere la giusta immagine e le buone intenzioni.per poter sedere a capo del PD ..Un politico senza mezzi termini e tutto d'un pezzo che rimarca il fatto (assai poco credibile) di non essere un candidato Renziano.
Minniti azzarda novità in seno ad un Partito ormai in uno stato confusionale, dichiarando col suo rituale tono energico.. che non ammetterà più correnti. Di fronte a Lucia Annunziata che lo intervista ribadisce «Compito di tutti quanti noi è far sì che qualcuno arrivi al 51 per cento”

Il nuovo aspirante alla carica di segretario del PD.. in realtà tanto nuovo non appare... anche in considerazione della lunga vita politica e governativa intrapresa tra un sottosegretariato e l'altro ..per finire come ministro nel governo Gentiloni.

Se pur riesce veramente difficile pensare che la candidatura non sia sostenuta dai Renziani, dalle sue parole non è difficile intuire la abituale doppiezza politica, tipica ed infusa in questi ultimi anni in un Partito che di sinistra sembra aver conservato ben poco.
Nei suoi annunci, Minniti, ha sottolineato vigorosamente che non è più tempo di sottovalutare i problemi in cui vive il Paese.. lo stato di disuguaglianze è tale da non poter non esser preso in considerazione da un Partito che sembra aver dimenticato ogni problematica sociale rivolta verso l'equità. Anche se non proprio queste parole usate durante l'intervista, lo è stato il senso in cui si è espresso..quasi a voler incantare un pubblico su una innovazione rispetto al recente passato in cui ha comunque lungamente governato all'interno del suo Partito.

Dopo Zingaretti e Richetti, Damiano, Boccia e forse anche Martina, il Pd ha ufficialmente un nuovo aspirante segretario che fa di tutto per apparire l'uomo nuovo: Il politico che ha compreso e si è del tutto compreso nelle problematiche sociali che da anni tormentano il Paese. Minniti.. come gli altri candidati... spera di poter sparigliare e disperdere le correnti. Tuttavia in questo suo cammino verso la segreteria, emerge una personalità politica ormai vecchia che... dopo intensi anni di governo in un PD (non di certo attento nei riguardi delle macroscopiche disuguaglianze formatesi).. vorrebbe riprendere un'ulteriore stagione del riformismo per fare come lui afferma : di un Pd “ripiegato su se stesso e assente.. una forza schierata con i deboli, non aristocratica”.
Che dire?.. Meglio tardi che mai!

14 nov 2018

DEMOCRAZIE DIRETTE E STORTURE DEMOCRATICHE





A che vale avere dei rappresentanti del popolo in un'Aula o in una commissione parlamentare, quando questi prendono solo ordini da un potere esecutivo o da un Partito che impone di votare in un determinato modo pena l'espulsione? E' una via troppo comoda che non ha alcun legame con i sani principi democratici.!
di vincenzo cacopardo

Ciò che è avvenuto in questi giorni nella commissione Ambiente di Palazzo Madama per via di un emendamento di Forza Italia al decreto di Urgenza (emendamento passato per via dei voti dell'ex capitano De Falco e la Nugnes), secondo la prassi ed i principi del Movimento pentastellato, potrebbe avere pesanti conseguenze con la esplusione dei due rappresentanti dal gruppo del Senato. Secondo le ultime notizie la Nugnes verrà sospesa e DeFalco espulso.

Ma il dissenso entra quasi naturalmente in una logica di democrazia parlamentare. Se lo vuoi arginare devi discutere con la stessa base elettorale preventivamente...evitando di offrire seggi a chi non sai bene come la pensi . Inoltre è più che chiaro che si può essere d'accordo con un programma di massima e poi apportare modifiche successivamente in fase di definizione..senza per questo stravolgere l'essenza vera delle riforme. E' proprio questo il lavoro di un parlamentare..altrimenti resterebbe un pupo manovrato che non offre alcuna idea per lo sviluppo positivo ed il possibile miglioramento delle stesse regole e di cui se ne potrebbe fare a meno.

Una cosa è certa: Se i rappresentanti nel parlamento del Movimento si scambiassero nel dialogo conoscendosi prima in profondità e con maggior chiarezza.. questi equivoci si potrebbero in parte oltrepassare. O meglio: se si intendessero bene ancora prima di essere eletti, si potrebbe maggiormente comprendere il loro pensiero politico.
Quest'ultima vicenda è la prova provata di come quei principi della democrazia diretta del Movimento, pur rispettabili come fine, non si potranno mai raccordare, né conciliare con i principi sostanziali di una democrazia parlamentare. A che vale..infatti.. avere dei rappresentanti del popolo in un'Aula o in una commissione parlamentare, quando questi prendono solo ordini da un potere esecutivo o da un Partito che impone di votare in un determinato modo pena l'esplusione? E' una via troppo comoda che non ha alcun legame con i sani principi democratici.!

Qualcuno come Casaleggio afferma persino che il Parlamento non dovrebbe esistere, dando così ragione a chi definisce questa sua logica come autoritaria e destabilizzante contro i principi di qualunque democrazia rappresentativa.
In certi casi.. come questo appena avvenuto... il Movimento si sarebbe dovuto chiarire con i suoi rappresentanti attraverso uno scambio verbale ante voto della commissione. Invece pare che tutto arrivi dall'alto come  ordine .. come sembra sia avvenuto nel passato persino con altri governi.
Dov'è allora questo cambiamento? Dov'è questa metamorfosi tanto declamata che mette il popolo ed il suo consenso proveniente dal basso in prima linea?. Può mai diventare il parlamentare una marionetta da manovrare a beneficio di un Partito al governo senza che questi abbia un minimo di personale riflessione sugli argomenti da trattare? Dov'è finito il principio fondamentale che divide in modo accurato e funzionale i poteri dello Stato?

E qui ritorniamo all'articolo 67 della Costituzione che oggi sembra essere di grande attualità poichè... comunque la si pensi..pare essere stato introdotto con grande lungimiranza dai padri costituenti.
Sappiamo bene che in un sistema proporzionale come quello esistente, (a differenza di quello maggioritario tendente a determinare due contrapposte forze bipolari), vi sono ovvi motivi perchè si possano definire spostamenti di pensiero di un parlamentare per lo più attento al proprio pensiero ed alle esigenze del proprio elettorato territoriale, il quale lungo il percorso del dibattito parlamentare... potrebbe trovarsi meno d'accordo su determinati temi pur perseguendo un'azione globale di cambiamento politico voluta dal suo stesso Partito.
Rimane evidente che in un sistema proporzionale si è obbligati a dare maggior forza all'art 67 senza costringere un'azione di pensiero dei parlamentari, a differenza di come si suole fare quando si impone un sistema bipolare. Eludendo i principi dell'art 67 si costringono il pensiero e le idee dei Parlamentari soprattutto quando un Parlamento ed i suoi gruppi nell'Aula sono già definiti...anche rispetto alla formazione delle dovute normative in itinere. Il difetto sta nel fatto che ogni azione Parlamentare non può mai essere simile a quella governativa predisposta per amministrare.
Ciononostante il Movimento 5 Stelle continua perseverare su questo argomento dimostrando al contrario poca lungimiranza in proposito e dimenticando che l'articolo della Costituzione sul quale ci si dovrebbe maggiormente applicare per dipanarlo in senso funzionale è l'articolo 49 sui Partiti.


13 nov 2018

LE CRITICHE ECCESSIVE ALLA STAMPA





La comunicazione del Movimento 5Stelle, pur volendo affrontare un problema esistente, non sembra centrare l'obiettivo aggravando un ritorno di critiche.
di vincenzo cacopardo

Sono proprio i termini “puttane e sciacalli” che risultano troppo azzardati ed irrispettosi! Sarebbe bastato usare termini diversi più consoni ed adatti: “condizionati...asserviti..assoggettati”...anche in considerazione che spesso è proprio così! Quelli dei leaders del Movimento pentastellato sono vocaboli che hanno creato una fortissima reazione nel mondo giornalistico. E poi..è sicuramente errato il fatto di assimilare tutta la stampa ed i giornalisti come fossero uguali!

Di Maio e Dibattista possono anche avere ragione poiché spesso la stampa (ma non tutta) straripa dal suo essenziale ruolo diffondendo notizie su possibili fatti non accertati o diffamando in prima pagina per poi inserire un articolo con smentite in quinta pagina. Per non parlare anche di alcune TV...Tutti fatti che, in ogni caso, hanno da sempre creato in concreto problemi a tutti i Partiti e non solo al Movimento. Tuttavia è sbagliato definire tutta la classe dei giornalisti in un calderone unico..come del resto sarebbe un errore classificare inadatte e meretrici tutte le altre categorie come quella della stessa politica o quella della magistratura.

Queste eccessive valutazione, anche frutto di una lotta che oggi si mette più in evidenza per l'effetto di un percorso di sradicamento del vecchio sistema, non può tornare utile a nessuno..anzi penalizza in negativo i portatori di tali eccessive opinioni che paiono affrontarle con troppo veleno ed astio...Astio e veleno che non pagano mai!

Oggi sono coloro che sono andati al governo che si lamentano..ieri si lamentavano gli altri, i loro avversari, per aver creato un clima che ha reso possibile alcune delle loro vittorie elettorali. Bisognerebbe affrontare questo argomento con un particolare equilibrio, senza fare di tutta un erba un fascio e moderando i termini.. poiché come la storia ci insegna.. tutto torna indietro e si ripete da diverse angolature.




9 nov 2018

GOVERNO..ED OPPOSIZIONI



Al di là di ogni risultato buono o cattivo...bisogna farsene una ragione e comprendere...anche se non si è d'accordo.. che questa alleanza, costruitasi per esclusiva responsbilità dei Partiti tradizionali, durerà di sicuro fino alle prossime Europee e..forse potrà andare oltre in base ai risultati.”
di vincenzocacopardo

Oggi si parla di grillizazione della Lega, poco tempo fa.. al contrario.. ci si riferiva ad un Movimento completamente sottomesso alla Lega. Comunque la si giri e la si dica i due partiti politici al governo ricercano continuamente una sintesi e pare procedano insieme senza nemmeno assorbire gli attacchi che dalle opposizioni arrivano sempre più feroci e meno produttivi.

Al di là di ogni risultato buono o cattivo...bisogna farsene una ragione e comprendere...anche se non si è d'accordo.. che questa alleanza, costruitasi per esclusiva responsabilità dei Partiti tradizionali, durerà di sicuro fino alle prossime Europee e..forse potrà andare oltre in base ai risultati. Comunque la si voglia vedere questa è..e rimane la conseguenza di una legge elettorale voluta principalmente dal PD di Matteo Renzi..un Partito che oggi si lecca le ferite ostentando continui miseri attacchi che non somigliano per nulla ad un costruttivo pensiero antitetico, ma ad una vero e proprio livore verso chi avanza nei consensi.

Si può certamente non essere d'accordo con le riforme che oggi la nuova coalizione di governo mette sul piatto, tuttavia riesce riprovevole assistere a certi attacchi sulle persone e su certe scelte volute da una maggioranza scaturita solo per una chiara irresponsabilità dei vecchi partiti sistemici che non hanno saputo cogliere il bisogno di un cambiamento. Se poi questo cambiamento si verificherà a discapito della nostra società.. è ancora tutto da vedere..e qualora si mettesse in luce arriveranno nuove forze in protezione, di certo la politica e la sua essenziale dinamica non perderà valore.

Oggi le critiche della opposizione avanzano e si racchiudono sempre sulla incompetenza e su qualche frase poco accorta dei due vicepresidenti del consiglio, attraverso il solito cortile spinto, ma mai sulla sostanza di un vero cambiamento...mai in favore di una idea di crescita, solo a sfavore dei personaggi che oggi guidano il governo.
Nondimeno perchè il contratto di programma tra le due forze, pur controverso, possa riuscire a concludersi in una sintesi equilibrata occorrerà tempo e non certo la fretta che le opposizioni richiedono.

Ogni cambiamento buono o cattivo che sia necessita del suo tempo! Sicuramente essersi immobilizzati per anni nel logoro e vecchio sistema ha registrato tutte le conseguenze negative che oggi ci portiamo appresso.