31 lug 2015

Mattarella: più “garante” .. che “arbitro”!

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA: FIGURA CHE I CITTADINI VORREBBERO  GARANTE DEL SISTEMA ISTITUZIONALE.
di vincenzo cacopardo
Se un arbitro deve agire senza condizionamenti..un garante può muoversi a protezione di ciò che non risulta sicuro ed a salvaguardia dei fondamentali principi.

Le nuove esternazioni del Presidente Mattarella rimangono fondamentali e danno una sorta di scossone al metodo odierno con il quale la politica si muove..Mattarella parla di lungimiranza e questo argomento ..già diverse volte trattato nel mio blog..dovrebbe essere di sicuro un monito per una classe politica che fino ad oggi non ha saputo leggere nel futuro. Ma se leggere significa muoversi attraverso la fretta e la semplificazione...come usa fare il nostro Premier..l'argomentazione del capo dello Stato non trova alcuno sfogo, poiché la fretta e la semplificazione non possono appartenere a chi si deve muovere guardando lontano.

Malgrado il bel discorso...il Presidente Mattarella..a mio modestissimo parere..non definisce bene il suo ruolo quando tende a dirimerlo solo come “arbitro”..dato che prima ancora egli dovrebbe essere un “garante” della Costituzione. Questo fa sì che la sua visione non può essere quella di contrastare le iniziative parlamentari, ma di mettere in discussione il fine ed i valori della Costituzione quando questi vengono scherniti o svalutati.. attraverso principi che a tutti i costi pretendono di determinare una governabilità non come valore finale. In definitiva: non credo che non possa spettare al capo dello Stato un giudizio come garante (più che come arbitro) per la garanzia stessa di una democrazia..dato che oggi persino il raccordo tra Parlamento e Governo risulta incrinato o addirittura compromesso.

Per quanto attiene alle riforme..trattandosi di un considerevole numero di riforme tendenti a stravolgere l'impianto istituzionale voluto dai padri costituenti (esperti..oltre che fortemente istruiti in materia) risulterebbe utile muoversi in termini di un metodo più appropriato.. Pur lasciando da parte ogni riferimento al merito di queste riforme (che, invero, potrebbero anche portare danni peggiori nel futuro politico del Paese), avrebbe sicuramente fatto piacere un intervento in proposito... ascoltando le osservazioni di metodo da parte del nuovo Capo dello Stato. Considerazioni che in realtà gli appartengono in qualità di garante di un sistema di democrazia che dovrebbe vedere nel parlamento il punto centrale di tutta la politica istituzionale.Se è vero che “la mancata attribuzione dei poteri di indirizzo politico al Presidente della Repubblica, fa sì che tali poteri vengano accentrati nel raccordo Parlamento – Governo”.. è persino evidente che questo raccordo oggi si sia intaccato e dovrebbe destare serie preoccupazioni per la garanzia dello stesso principio di democrazia: i due ruoli (Parlamento – Governo) non riescono più ad operare in condizioni di indipendenza e, pur nella loro distinzione funzionale, risultano condizionati da un pressante potere partitico che li sottomette al proprio interesse...Nel passato non era così e quindi il raccordo non veniva compromesso..ma oggi le cose sembrano del tutto cambiate! 

Renzi oggi rappresenta l'evidenza di questo problema.. e quella tendenza equilibratrice che si voleva tramite il “raccordo”, non pare più possibile. La centralità del Parlamento non determina più la sua vera fondamentale funzione ed ogni azione governativa finisce sempre col prevalere e condizionare pragmaticamente su ogni indispensabile percorso politico parlamentare..Credo..perciò.. che in questo terreno sia indispensabile un ruolo di vero garante da parte del nostro Capo dello Stato.


Al Sud muore ogni speranza...


IL RAPPORTO SVIMEZ SULL'ECONOMIA DEL MERIDIONE
di vincenzo cacopardo
Da quanto lo scriviamo in questo Blog?..Da quanto mettiamo in evidenza l'importanza di un piano per il Sud? Da quanto critichiamo la mancanza di una vera politica per la crescita di questo terrirorio che necessita di infrastrutture per legarla ad uno sviluppo più consono al proprio territorio?

Si parla di desertificazione industriale, io la chiamerei più opportunamente totale desertificazione di idee e di risorse politiche più adatte: Non potrà mai esservi uno sviluppo imprenditoriale se non si esercita una adeguata politica che lo stimoli negli investimenti e che lo preservi da una sicurezza in un territorio da sempre abbandonato da uno Stato.. che sembra solo essersi dedicato a farlo prosperare attraverso risorse poco utili. In realtà non esiste questa prosperità..se non nelle comode poltrone delle regioni e delle amministrazioni locali dedite ad assumere per ottenere consensi in uno accrescimento di una politica guasta ed inconcludente. Come si poteva pensare che su questo piano il nostro Sud non avrebbe potuto battere persino la Grecia?

Il rapporto Svimez sull'economia del Mezzogiorno 2015 è chiaro e perentorio "Dal 2000 al 2013 il Sud è cresciuto del 13% la metà della Grecia che ha segnato +24%: oltre 40 punti percentuali in meno della media delle regioni Convergenza dell'Europa a 28 (+53,6%)". Lo Svimez sottolinea anche che, nel periodo, l'Italia nel suo complesso è stato il Paese con meno crescita dell'area euro a 18 con il +20,6% a fronte di una media del 37,3%. Il Sud sconta inoltre un forte calo dei consumi interni e degli investimenti industriali. Come era chiaro prevedere e come risulta ormai superato in questa nostra Nazione... dove nessun politico riesce a leggere in lungimiranza..il meridione sta per crollare definitivamente nel più buio dei baratri.. spinto dall'inettitudine di ogni governo centrale e dai governi regionali locali condotti attraverso un criterio politico illogico che nella regione Sicilia vede solo continue deboli manovre di rimpasto di figure del tutto improprie.

Il Paese è già da tempo diviso in due e la politica non riesce nemmeno a scorgere questa differenza tanto è dedita a salvare le proprie poltrone ed i propri centri di potere. A livello nazionale, il Pil è stato di 26.585 euro, risultante dalla media tra i 31.586 euro del Centro-Nord e i 16.976 del Mezzogiorno... ma poco conta per i cittadini un PIL..quando la forbice tra ricchezza e povertà continua ad allargarsi al Sud in modo spropositato: Nessuna ricchezza potrà mai permettersi di fare investimenti in un territorio dove mancano le essenziali infrastrutture per renderla competitiva.. e nessuna sicurezza locale potrà bastare se lo Stato non si fa promotore di un piano di prevenzione adatto per salvaguardarla dal malaffare.. un malaffare che prospera proprio lì dove lo Stato resta assente e dove cresce la povertà spinta da una mancanza di iniziative valide.

post correlati: mezzogiorno e futuro
studio per una nuova iniziativa



30 lug 2015

Il caso Azzollini sancisce l' ipocrisia del PD e del suo segretario


Si salvano le figure ..si affondano i principi
di vincenzo cacopardo
Il caso del senatore Azzollini..si dimostra un'altra di quelle enormi contraddizioni procurate da una politica ricca di anomalie ed alterazioni alla quale non si vuole di proposito mettere ordine. Una politica che sopravvive solo attraverso interessi e convenienze.

Non potendo entrare nel merito dell'inchieta ..ci soffermiamo ad analizzare il metodo espresso con tale disinvoltura e sfacciataggine nel suo percorso istituzionale.
  
Sul senatore del Nuovo Centrodestra pesa una richiesta d'arresto da parte della procura di Trani... accusato di bancarotta fraudolenta e l’associazione a delinquere nell’inchiesta sul crac della casa di cura Divina Provvidenza. A tal proposito la Giunta per le autorizzazioni aveva votato a favore della istanza di arresto. Con il voto segreto, Palazzo Madama, ha invece respinto la richiesta contrariamente al voto espresso dalla commissione. Questo abnorme equivoco si inserisce in un contesto più grande che vede oggi la politica... oltre a fronteggiare con sfregio ed ostitlità le posizioni di un ordine della magistratura, una totale incoerenza nel proprio percorso isituzionale.

A poco valgono le parole di Luigi Zanda, capogruppo del PD.. che ha contestato la modalità di voto segreto come arma politica strumentale. In questa faccenda il PD ha dimostrato di essere più ipocrita del suo stesso segretario, il quale, insistendo nella posizione anomala di segretario del partito di maggioranza e Capo del Governo ...continua imperterrito in un percorso irto di conflittualità: Chi ci dice che Renzi non possa aver costruito la difesa di Azzolini su suggerimento di Alfano per la tenuta stessa del governo?..Sono congetture, ma supportate e convalidate proprio dal conflitto sopra esposto. Diverso sarebbe..e meno sospettabile.. se Renzi non assumesse contemporaneamente i due incarichi!..

Le lacrime di coccodrillo del suo intero Partito valgono assai poco di fronte al muro che questa politica continua a costruire per contrastare un malcostume messo in evidenza dalle procure. Rimane ridicola persino la dichiarazione di Debora Serracchiani, vicesegretaria del PD...sentitasi persino arrabbiata per l'errore commesso. Ma come si può chiamare errore una simile disattenzione..che in realtà finirà col non premiare per nulla il suo stesso Partito? A poco valgono le sue scuse quando con ciò dimostra di non essere in grado di gestire un Partito..pretendendo anch'essa di poter assumere contemporaneamente un'altra carica di presidente di una regione.

Si sa bene che quando si dichiara di votare per coscienza nascono giochi di interessi che sovrastano ogni spirito politico. Lo spirito del Partito nella fattispecie non poteva, né doveva.. prendere libere strade di coscienza attraverso un voto segreto...Non si trattava di regole riguardanti normative e leggi, non si trattava di valutare principi di natura civile o di regolamentazione fiscale...Si doveva metter un punto fisso su una richiesta avanzata dalla magistratura e convalidata dalla Giunta per le autorizzazioni.

Più che ridicolo..questo quadro.. appare assai ipocrita e triste!





29 lug 2015

una nota all'analisi del consigliere Cacopardo

Perchè meravigliarsi?

Da quanto scriviamo dello sfacelo del nostro Paese?...e non certo per voler apparire gufi, ma per l'evidente situazione politica che non muove passi avanti se non nell'orbita di una abnorme comunicazione di un premier saccente e presuntuoso che continua ad imporre una visione estranea ad ogni realtà.
Per quanto concerne la sicurezza (argomento toccato in modo puntuale da Domenico) la ragione stà anche nel fatto di considerare la nostra democrazia un punto sul quale tutto viene affidato alla libera interpretazione dei cittadini, non tenendo più conto di un indispensabile impegno da parte dello Stato su un necessario controllo preventivo.

Su tutto ciò si muove una giustizia assai lenta, a volte troppo indulgente che finisce col premiare i farabutti. Ma perchè questo nostro Paese ..rimane coperto e seppellito dalla miriade norme fin troppo buoniste ed inidonee che fomentano in qualche modo il crimine?

Uno sforzo fondamentale dovrebbe essere fatto dalla politica per guidare un processo evolutivo moderno più spedito, meno farraginoso... anche verso un coordinamento più utile tra giustizia e sicurezza per meglio avvicinare lo Stato ai cittadini. Quando si parla di sicurezza, in un sistema come il nostro, non si può trascurare l’impegno degli organi dello Stato che, nell’attuare regole a protezione del cittadino, sono spesso costretti a barcamenarsi in un nugolo di cavilli burocratici costruiti proprio in difesa delle libertà: Magistrati, forze dell’ordine e quanti altri preposti alla garanzia della nostra sicurezza, sembrano agire con l’uso di procedure ormai vecchie e con una metodologia poco risolutiva.

La risposta sta nel fatto che non si è ancora provveduto ad una vera riforma che possa rendere equilibrio al sistema di sicurezza dell'ordine pubblico..cioè ..nel Paese in cui regna di continuo il “troppo” in contrasto con il “poco” ... una certa inettitudine delle forze politiche procede pensando che ogni concetto di prevenzione sia un optional nel contesto di un sistema di libera democrazia.

Tagli e sacrifici imposti dall'Europa hanno infine dato il colpo di grazia a questo indispensabile servizio in favore della collettività.

Per ciò che riguarda l'occupazione e gli investimenti gettati al vento messi in evidenza in questo articolo da Domenico, non possiamo che dare la responsabilità ad una certa politica ed a quel suo “modus pensandi” insito nella classe odierna. Una politica che persevera nel ritardo di una essenziale riforma sulla burocrazia che risulta fatale per ogni possibile crescita del paese.

vincenzo cacopardo



un inarrestabile sfacelo....

La sensazione è precisa: quest’Italia è un Paese allo sfacelo.

Tra giugno e luglio ho percorso per lavoro l’Autostrada del Sole da Parma a Roma almeno otto volte. Non ho mai incontrato una pattuglia della Polizia Stradale. Anzi, nel tratto Bologna-Firenze, da qualche anno si poteva constatare che il divieto di sorpasso di camion e di autotreni era rispettato. Ora non più: poiché gran parte dei mezzi pesanti non hanno targa italiana (è noto che diverse migliaia di padroncini hanno «estero-vestito» i loro mezzi), i conducenti se ne fregano e occupano tranquillamente per chilometri la corsia di sorpasso. Ma l'aspetto più inquietante del caso è la totale assenza della Polizia stradale che, ormai, interviene solo in caso di incidente grave.
Anche la situazione dei furti in appartamento e in villa è peggiorata e di molto. Ora i più specializzati sono i georgiani che, insieme agli zingari, detengono il record anche in materia di efferatezza e di aggressioni inutili. La questione è semplice: attiriamo ladri. E non per carenze delle varie polizie di cui disponiamo: in un numero accettabile di casi i responsabili di questi reati vengono arrestati.
Ma la gestione giudiziaria di essi è molle, indulgente. Invece di tenere i ladri in galera e, possibilmente, buttare la chiave (anche per disincentivare questo genere di immigrazione specializzata), nel giro di una decina di giorni i delinquenti tornano in circolazione pronti a delinquere di nuovo e, avendo minacciato i già rapinati, a dare sfogo alla loro violenza bestiale.
Certo, l’autorità giudiziaria è inefficiente per definizione, ma il complesso delle norme buoniste che governa il crimine è inidoneo a contrastarlo. Anzi, come abbiamo detto, un’analisi comparata di pene e condoni, fa ritenere l’Italia il Paese più indulgente d’Europa.
Di sbieco ricordiamo che questo andazzo è estremamente frustrante per gli operatori della Pubblica sicurezza, sempre sull’orlo di durissimi procedimenti giudiziari, mai sugli scudi di un apprezzamento reale e verificabile da parte di coloro che giudicano i delinquenti che popolano la Nazione.
In questo disastro dei fondamentali dell’ordine pubblico, ci si mette pure il più elevato giudice d’Italia: la Corte costituzionale.
Come si si trattasse di un organismo lontano mille chilometri dalla realtà concreta (che è una realtà di difficile gestione, di risanamento coordinato con le autorità europee, di tagli e sacrifici distribuiti tra lavoratori e imprenditori) senza alcuna specifica attenzione alle conseguenze delle decisioni, la Corte, in questi ultimi mesi, ha inanellato una serie di sentenze che hanno dato un colpo mortale alle finanze pubbliche: i vari regimi di blocco delle crescite retributive sono stati dichiarati in tutto o in parte incostituzionali, senza apprezzamenti giuridici delle conseguenze su precetti costituzionali, della mancanza di inflazione (causa tecnica delle progressioni automatiche), dell’emergenza debito e dell’emergenza di bilancio. Il medesimo blocco dei contratti degli statali è stato giudicato incostituzionale, dimenticando che un contratto è il negozio giuridico che deriva da un libero confronto tra almeno due parti. E, in questo caso, una delle due, lo Stato è stata costretta a definire con la legge di bilancio la propria impossibilità ad aderire a una qualsiasi crescita degli oneri per stipendi della burocrazia.
Senza volere esprimere alcun giudizio, constatiamo che questa Corte è presieduta da un magistrato ordinario.
L'autorità giudiziaria, peraltro, usa, come un solerte impiegato delle poste addetto alla timbratura dei francobolli finisce, timbrare tutto ciò che gli capita a tiro, così molte corti si comportano di fronte agli eventi della vita quotidiana, usando il loro potere come un «juke-box» nel quale inserire la fattispecie e dal quale automaticamente fare uscire una sentenza devastante per l’ambiente lavorativo, sociale ed ecologico di riferimento. Occupazione a picco, stabilimenti strategici chiusi, investimenti gettati al vento: nulla importa, solo la cieca applicazione della norma, di norma generica.
C’è una responsabilità della politica in questa situazione: senza parlare della ministra Severino, onusta di glorie professionali e di discutibili decisioni governative, ricordiamo il continuo inserimento nel codice penale di nuovi reati, dalle definizioni, in alcuni casi, così labili da indurre qualche bravo e onesto operatore di giustizia ad acchiappare chi gli capita a tiro, forte di una discrezionalità quasi assoluta. Un ampliamento delle fattispecie attuato con l’inspiegabile consenso di Confindustria, mai scesa sul terreno della contestazione dell’arbitrio fatto legge che regola molte attività umane e imprenditoriali.
Lo sfacelo riguarda, quindi, anche il governo e la politica.
Decine di gruppetti sono in movimento per contestare qualsiasi cosa accada in area di governo. Lo scopo non è quello di impedire qualche scempio, qualche errore, qualche decisione inaccettabile. L’unico scopo che anima le minoranze del Pd, il Movimento5Stelle e gli altri contestatori è uno solo: costringere alla resa Matteo Renzi. Anche se non sanno cosa e come fare dopo, pensano che, come in passato, l’Italia accetterà supinamente ogni nefandezza, ogni radicalismo, ogni ritorno a formule deprecabili.
Abbiamo criticato e critichiamo Renzi: ma consideriamo inaccettabile il metodo delle congiure e delle pregiudiziali, quando è in gioco uno stretto passaggio dal disastro alla sopravvivenza.
Certo, Matteo Renzi non è il politico di cui avevamo bisogno. È, però, l’unico dirigente di partito che ha saputo riporre in soffitta argomenti e uomini del passato, avviando, tra mille contraddizioni, errori e passi indietro, un processo riformista che inciderà su alcune delle rendite di posizione che paralizzano l’Italia.
Più rimarremo ancorati a polemiche senza senso (quella sulla scissione di Forza Italia realizzata da Verdini) meno ci sarà la possibilità di andare avanti con le difficoltà che sappiamo nella riparazione dei tanti sfaceli che si vedono in giro.
E lo scontro politico tra Orfini e Renzi è il caso emblematico della deriva autolesionista che attraversa il Paese e, in esso, il Pd: il prezzo è Roma, la preda uno dei due.
Domenico Cacopardo


nuovo articolo di Domenico Cacopardo su Marino

Oggi, si capirà qualcosa di più, rispetto a ciò che s’è capito su Roma e sul suo sindaco Ignazio Marino. Un professore universitario che, per ragioni mai esplicitate, ha abbandonato l’ambito ruolo di capo di dipartimento in un centro ospedaliero americano (Philadelphia) per abbracciare la politica e il Pd.
Ma già è emerso abbastanza, soprattutto nell’ultimo week-end.
Infatti, sembra chiaro agli addetti lavori che lo scontro in corso non è tra Renzi e Marino, ma tra Renzi e Orfini, il giovanissimo presidente del Pd, commissario del partito romano.
Quando è esploso il caso Roma, Orfini, capo di una delle frazioni exDS, alleato di Renzi, è stato incaricato di mettere a posto il partito della capitale, investito, come il comune, dalla tempesta denominata «Mafia capitale», consistita in una raffica di arresti, di avvisi di garanzia e di sospensioni dagli incarichi pubblici.
La «ratio» e i limiti della scelta di Orfini come risanatore del partito, risiedeva nel suo essere espressione diretta e (relativamente) nuova della realtà capitolina, dopo esperienze di base compiute nella storica sezione Prati e un’elezione in Parlamento ottenuta proprio a Roma.
I limiti della scelta erano costituiti proprio dalla stretta correlazione tra il commissario e il mondo politico che doveva «normalizzare».
Sostengono molti che Orfini s’è mosso bene, coinvolgendo nell’analisi dei vizi del sistema delle sezioni di Fabrizio Barca, figlio di un importante dirigente comunista, estraneo però al partito e al suo tran-tran romano.
La vicenda ha, però, preso una brutta svolta quando Renzi s’è azzardato a dichiarare –più o meno- che Ignazio Marino era giunto al capolinea.
Orfini ha reagito immediatamente e ha cominciato a spendersi in favore del discusso sindaco, allo scopo dichiarato ed evidente di sostenere l’amministrazione in essere rinviando il più possibile un appuntamento elettorale che per il Pd potrebbe significare una clamorosa sconfitta.
Probabilmente, il primo ministro non s’è subito reso conto che si stava innescando un confronto nel quale la testa in palio non era, appunto, quella di Marino, ma la sua, dato che se le sue imprudenti dichiarazioni non avessero avuto effetto, nell’ircocervo democratico, un po’ exPci, un po’ exDc, la sua autorità e, peggio, la sua autorevolezza avrebbero subito un drastico tracollo. Tale, in definitiva, di riaggregare, intorno a Orfini, tutte le minoranze interne e, soprattutto, la palude degli incerti, accorsi in soccorso del vincitore Renzi, ma pronti a mollarlo se un altro uomo forte, con serie possibilità di «vincere» il partito fosse emerso.
È quindi vitale, per comprendere cosa accadrà in politica nei prossimi sei mesi, osservare quale sarà l’evoluzione del caso Roma e vedere se, col sostegno di Orfini, Marino sopravviverà o altrimenti crollerà, lasciando il campo ai renziani di tutte le ore.
Sullo sfondo, ma non tanto, c’è la figura di Franco Gabrielli, prefetto di Roma e autorità cui competeva tirare le somme di un’inchiesta amministrativa attivata subito dopo il manifestarsi dello scandalo.
Con la cautela del funzionario consumato (e del politico capace di sceverare gli interessi in campo), Gabrielli ha trasmesso al ministro degli interni una relazione che non poteva non contrariare il suo sponsor Renzi.
Se, infatti, quest’ultimo si attendeva un rapporto esplosivo tale da giustificare il commissariamento del comune, si sbagliava. La relazione Gabrielli, pur evidenziando le magagne capitoline, sosteneva che Marino era al di fuori del malgoverno e della corruzione. Del che nessuno, in verità, dubitava.
Ciò che la città imputa al suo sindaco è invece un atteggiamento ondivago, incapace di scegliere cosa fare e con quale urgenza, come disporre e realizzare un’ampia purga della dirigenza, insomma quel cambio di passo che era lecito attendersi dopo la devastante esperienza Alemanno.
Perciò, in questa partita che si gioca su più tavoli contemporanei, occorrerà che l’inchiesta e il rapporto Gabrielli trovino la conclusione politica amministrativa che sembra profilarsi: censure aspre che non investono il sindaco e rendono impossibile il commissiariamento.
Insomma, Gabrielli ha mostrato al presidente del consiglio che la realtà non può essere forzata per aiutarlo a realizzare i propri desideri politici e che la pubblica funzione attribuitagli sarà esercitata «ratio veritatis» non secondo la sua utilità.

Almeno, a oggi, queste sembrano le coordinate con cui si può valutare lo stato dell’arte. Coordinate non felici per la politica (azzardata) di Renzi.
In questo gioco, allo stesso tempo raffinato e cinico, chi ci rimette è Roma. Sono i romani. Alle prese con un’amministrazione inesistente, talmente legata al passato (a dispetto delle affermazioni della relazione Gabrielli) da suggerire all’assessore al bilancio Silvia Scorzese di motivare le proprie dimissioni con (tra l’altro) il permanere dell’andazzo di affidare direttamente, senza gara, forniture e lavori. Infatti, secondo la dimissionaria, gli uffici romani lasciano tranquillamente scadere i termini per avviare le procedure concorsuali, in modo da essere legittimati a disporre la continuazione dei vecchi contratti dei vecchi appaltatori.
C’è un particolare inquietante: se è vero (e non c’è ragione di dubitare) ciò che sostiene la dottoressa Scorzese, avremmo una evidente smentita dell’affermazione che, con Marino, sarebbe cessato il vecchio andazzo.
Insomma, un pasticcio inestricabile, nel quale le furbizie prevalgono sulle esigenze della città.

Domenico Cacopardo

28 lug 2015

Congetture spropositate in un clima ormai rovente



Il caso Crocetta sembra non essersi concluso ed appare tutt'ora rimasto appeso in aria.. in attesa di riscontri ed altre notizie che possano ofrire più chiarezza all'accaduto. Nessun'altra dichiarazione da parte dell'Espresso..e ciò ha offerto al Presidente della regione Sicilia la libertà di esprimere tutto il suo disaccordo sui metodi usati da una certa stampa. Crocetta ha finito persino col piangere ed autocommiserarsi per la manovra bassa e faziosa studiata al fine di farlo fuori dalla poltrona di governatore del regno siciliano.

Ma sono in molti oggi ad ostentare pettegolezzi e finire con l'esprimere alcune congetture in proposito, poiché la suddeta storia tanto astrusa e quanto mai incomprensibile... non sembra trovare alcuna spiegazione.

Il più stravagante tra i sospetti è quello che gira nei ristretti ambienti in cui il pensiero politico si spinge a legarsi ad eccentriche strategie. Sono teorie che potrebbero anche potersi prendere in considerazione e che non possono che riportarsi de relata: In tutto questo piano si presuppone possa esservi un disegno voluto dallo stesso Governatore al corrente di questa registrazione già secretata da parte della procura. Per porre la sua figura (in fase calante) su un piano di immagine superiore...si pensa che Crocetta possa aver congegnato un piano al fine di costruirsi un alibi vincente...potendo così dimostrare di essere una vittima di un sistema dei Media e ricavandone al contrario maggior consenso. La notizia all'Espresso potrebbe infatti essere stata inviata dalla sua cerchia..non suffragata da prove certe, ma supportata da un ambiente in cui il presidente stesso potrebbe essere stato il vero portatore di palla. Una notizia che successivamente sarebbe stato facile smentire, ma che avrebbe offerto l'assist avvelenato perfetto.. intrappolando il giornale Espresso in una trama dalla quale risulta tutt'ora difficile venir fuori. Ma si sollevano ulteriori incertezze in proposito che lasciano dubbi su questa eccentrica ipotesi.. vista l'amicizia di Crocetta col suo medico Tutino che, in tal modo, sarebbe stata usata a suo discapito. Tutte le congetture in proposito non trovano ancora oggi una motivazione facile da comprendere. Ma se..invece.. esiste questa registrazione telefonica ..perchè non viene fuori?
Naturalmente non si possono sposare in pieno le tante teorie che giornalmente prendono corpo sulla telefonata di Crocetta.. se non vengono sostenute da prove.. Lasciamo, perciò, ai lettori di questo blog la possibilità di pensare e riflettere su ogni altra possibile teoria in proposito su di un fatto tanto inquietante ..quanto strano ed ancora del tutto irrisolto.

Tuttavia.. non possono esservi dubbi che la singolare teoria sopra esposta.. è il risultato dei veleni che si insinuano nel corso di questa tormentata legislatura. Viene fuori dagli ambienti ostili di una politica regionale ormai allo sbando che avanza in modo sregolato nel percorso istituzionale che vede contrapposizioni interne negli stessi partiti e che non potrà più offrire spazio ad un percorso politico più lineare ed utile. Al di là di un probabile prossimo default finanziario, questa regione non può più insistere nell'inseguimento di un percorso così poco felice per paura di nuove elezioni che potrebbero vedere la vittoria del mov 5Stelle.
vincenzo cacopardo



27 lug 2015

Nuovo articolo di Domenico Cacopardo

Matteo Renzi e il suo governo, peraltro come i governi che li hanno preceduti, stanno gravemente sottovalutando il fenomeno in corso della trasmigrazione di decine di migliaia di uomini e donne dal Sud del mondo all’Italia. Una trasmigrazione che comprende due categorie di persone, abilmente indicate come «migranti» per confondere le idee della pubblica opinione: coloro che abbandonano situazioni di guerra o regimi dittatoriali e coloro che fuggono dalla fame.
Ora, gli obblighi internazionale liberamente sottoscritti dallo Stato italiano ci impongono di identificare tutti coloro che entrano nel territorio nazionale non avendone diritto. Coloro che si dichiarano rifugiati politici debbono essere sottoposti a uno specifico procedimento per la verifica di tale qualità (rifugiati politici) alla fine del quale coloro che saranno riconosciuti «rifugiati politici» saranno ammessi nel territorio italiano e, quindi, europeo.
Tutti gli altri, cioè migranti non politici, debbono essere «respinti»: anche perché esiste, per loro, un altro specifico procedimento che passa attraverso le sedi consolari italiane, che consente l’emissione di un visto (di lavoro) per coloro che presentano un valido contratto. Non c’è nessun’altra possibilità legale.
Questo è lo stato della legge. Certo, le dimensioni degli arrivi sono tali da rendere difficile la sua applicazione, ma questo non giustifica la scelta compiuta dal governo: chiudere gli occhi, non identificare la maggioranza degli arrivati, ospitarli nei centri di raccolta e, infine, stimolarli disperdersi nel territorio nazionale e, sperabilmente, in quello europeo.
Sostiene l’amministrazione dell’interno, a propria giustificazione, che è difficile l’identificazione di questi poveri esseri umani. L’affermazione è deviante. Infatti, se il migrante rifiuta di dare le proprie generalità o le dà false, occorre renderlo identificabile mediante le impronte digitali, possibilmente il Dna, le foto segnaletiche e da ultimo il conferimento di una sigla alfanumerica.
Quindi, l’identificazione che si deve effettuare è rivolta al presente e al futuro in Italia e in Europa e non riguarda un non accertabile passato.
Perciò l’Unione europea è fortemente restia a darci una mano nella gestione di questa povera gente ed è tutta colpa nostra, dei nostri governanti, dei funzionari del ministero degli interni e delle sedicenti (non tutte, ma molte, sempre troppe) organizzazioni umanitarie che spendono le risorse di cui dispongono soprattutto per se stesse e per i propri operatori.
Questo atteggiamento «mite», in realtà corrivo, irresponsabile e fellone, spinge i nuovi arrivati ad avanzare pretese inaccettabili e a manifestare clamorosamente, come è accaduto a Lampedusa, a bruciare i materassi del centro di accoglienza. Operazioni, queste, attivate e coordinate da connazionali particolarmente noti alle autorità di pubblica sicurezza, impedite a intervenire dal timore di ritorsioni giudiziarie e politiche.
Se ci riflettiamo, chi arriva senza averne diritto compie una illegale e non ammessa invasione del territorio nazionale. Un fenomeno che dovrebbe essere ostacolato a termini di Costituzione.
Ma questa è cronaca di questi anni, insieme alla retorica ammannita dai media in una catena di Sant’Antonio volta a difendere e a promuovere il lucro personale dei soliti disonesti.
Un discorso diverso meritano coloro che operano sulle imbarcazioni, militari italiani e di altri paesi d’Europa, che applicano le norme sul soccorso in mare.
Però, la missione militare annunciata con enfasi ed entusiasmo dalla Mogherini e dalla Pinotti, sembra arenata prima di iniziare.
Il contrappasso di questo modo incosciente di governare l’Italia è la paura.
Non il razzismo, ma la paura.
La paura di tutto ciò che turba il normale tran-tran delle nostre comunità, già sottoposto a inattesi stress dalla massa di immigrati orientali che si sono insediati e vivono in Italia, nella stragrande maggioranza, onesti lavoratori.
Ma la paura di questi nuovi arrivi deriva da un complesso di ragioni e come tutti i sentimenti (irrazionali per definizione) deve essere rispettato dallo Stato, il cui compito costituzionale è quello di difendere i cittadini e di rassicurarli, in modo da allontanare proprio le paure ancestrali e attuali che li aggrediscono.
Invece, la paura viene trasformata in razzismo: ovunque la paura si manifesti là c’è un’accusa di razzismo che colpisce chi dimostra la propria paura e, pacificamente, protesta.
Non è questa la strada. Sul futuro roseo e vincente rappresentato, a parole, da Matteo Renzi pesa come un macigno questo problema.
Sarebbe molto più giusto spiegare le difficoltà e i limiti dell’azione di governo. Sarebbe molto più giusto che i pubblici ministeri, i Ros e le altre forze di Polizia indagassero sugli italiani che speculano sull’accoglienza. Sarebbe molto più giusto che il ministero dell’interno si organizzasse per dare una risposta ai richiedenti l’asilo politico entro due mesi (durante i quali gli aspiranti debbono essere ospitati in apposite strutture. Negli Stati Uniti in luoghi di detenzione amministrativa) invece che dopo due anni.
Insomma, l’unica risposta accettabile è il dialogo con i cittadini e il miglioramento dell’attività amministrativa.
Invece, le solite fonti bene informate rivelano una svolta: i problema dell’accoglienza dei migranti sarà affidato ai sindaci e tolto ai prefetti.
Un avviso di disastro annunciato, la sublimazione di «Nimby» (Not in my back-yard), la fine dell’unitarietà ontologica dello Stato per il ritorno alla penisola dei comuni e delle signorie.
La crescita di Grillo e di Salvini, quindi, è effetto soprattutto dell’incapacità del governo di maneggiare la questione.
Senza dubbi né speranze per l’immediato futuro.
Vincerà la paura e l’irrazionalità con effetti devastanti: abbiamo già ricordato il 1922.

Domenico Cacopardo

24 lug 2015

Crocetta e Marino: figure incompiute di una identica politica

di vincenzo cacopardo
Dopo un cilclone si ritrovano tutti incollati sulle poltrone! 
Una chiara “inversione di rotta”, dopo le minacce da parte delle opposizioni di sfiduciare il presidente Rosario Crocetta. Con il solito pretesto del senso di responsabilità ..simile a quello del premier Renzi, ed il bisogno di procedere verso le essenziali riforme, Crocetta pare aver persuaso i suoi avversari e chiunque fosse distratto dalle recenti accuse diffamatorie ancora da verificare.

Sappiamo ormai che Crocetta per difendersi..usa il classico metodo di alzare il tono della voce.. se pur nella confusione delle parole che riesce a tirar fuori..(a volte incomprensibili ed espresse con la manifesta mancanza della consonante "d"..confusa ripetutamente con la "t") Rosario Crocetta afferma categorico di non dimettersi e pone la fiducia proprio di fronte al Parlamento siciliano che oggi appare quanto mai coinvolto negli interessi delle proprie comode poltrone. Il governatore però non omette di dichiarare che la vera minaccia per lui arriva dalla capitale e proprio dal premier Renzi, il quale intervenendo col suo solito fervido pragmatismo, afferma che il Presidente siciliano deve dimostrare di esser capace di governare. Parole che offendono il governatore che fino a poco tempo prima sembrava aver sposato in parte alcuni programmi con il suo partito.

Si sa bene quanto possono essere dannose queste lotte con il governo centrale... quando ancora vi sono da concludere accordi sulle risorse che lo Stato deve risconoscere alla Sicilia. (Risorse che riguardano soprattutto i temi scottanti dei forestali e della formazione). Se l'intervento del governatore nella sala del Parlamento sembra aver preso l'attenzione delle opposizioni...non è ancora altrettanto chiara una loro futura reazione: Chiusa questa partita delle riforme..si vedrà se si sarà trattato di interessi per il territorio o di partito. Tutto per adesso sembra differito verso la prossima Primavera.

Ma al di là del ciclone scatenatosi sulle intercettazioni telefoniche di Crocetta con il suo medico Tutino (tutte invero ancora da verificare)..per quel che riguarda la sanità..sembrano evidenziarsi grossi problemi di bilancio sui costi e la spesa di questo assessorato. Pare infatti che dal 2008 al 2015 – il costo della sanità sia stato superato di oltre un miliardo ( 9 miliardi di euro all’anno, rispetto ai quaisi 7) 

In 33 mesi di gestione della presidenza Crocetta non sono bastati tre rimpasti, 37 assessori ed una dozzina di vertici di maggioranza per capire come procedere. Ma quello che in realtà bisogna rimproverare a Crocetta e qualche suo predecessore è il fatto che la stessa regione si è fermata.. non è cresciuta di niente...anzi, in verità, è caduta in uno stato di impoverimento senza alcuna speranza. 

Bisognerebbe comprendere che governare una regione non vuol dire solo fare pulizia ( come insiste facendosene una bandiera Crocetta) ma anche saperla fare crescere attraverso misure che guardino all'innovazione soprattutto coincidenti con gli interessi del proprio territorio. Le azioni di uno sviluppo non possono mai arrestarsi sotto la guida di chi ritiene di vigilare come fosse in seno ad una caserma, ma operare a favore di un rinnovamento per una crescita che necessita di idee politiche lungimiranti. Per far ciò occorre circondarsi di personalità particolari e capaci..non solo oneste..che già di per sé rappresenta una precondizione naturale.

Il caso di Marino, per altri versi, viene oggi messo alla ribalta allo stesso modo poichè egli rappresenta la figura che, se pur integralmente onesta, non ha dimostrato di saper condurre..un'amministrazione. Una differenza sostanziale separa Crocetta da Marino: L'uno.. pare aver operato per una pulizia scordandosi di uno sviluppo ..l'altro a cercato uno sviluppo in un ambiente in cui non è stato capace di fare pulizia...In ambedue figure non si scorge comunque un'innovazione sia politica che amministrativa.

Di tutto ciò sembra consapevole proprio il Premier Renzi che..trae opportunità per rimproverare ambedue ..ma non determina alcuna azione in proposito: La paura di nuove elezioni che potrebbero vedere salire il mov 5 Stelle... lo vedono bloccato per motivi di partito( altra anomalia dovuta dal suo doppio ruolo). La sua critica sulle due figure... è giusta, ma rimane racchiusa nella ipocrisia politica di chi ancora una volta resta spettatore consapevole ed opportunista.


22 lug 2015

La spossante staffetta che non lascia intravedere un traguardo sicuro


Da Berlusconi... a Renzi..
di vincenzo cacopardo

Se da un lato "Il 54% degli italiani dichiara di non volerne sapere più di questa politica e di non intendere più andare al voto...da un altro lato una considerevole percentuale manifesta inquietudine su certi piani fiscali esposti del sindaco d'Italia-premier che, con le sue continue promesse, pare voler prendere in giro i cittadini.

Nel frangente ...il Cavaliere si attiva ancora una volta sul piano politico, malgrado i suoi guai giudiziari, sottolineando la rabbia degli elettori che oggi votano solo per protesta: Per Berlusconi il voto non mira più ad una vera astensione, ma viene indirizzato verso i Salvini ed i Grillo di turno. Per l'anziano leader politico, che continua ad incantare un certo elettorato, non si possono chiudere gli occhi e fingere di non vedere che oltre ventimilioni di cittadini non vanno più a votare. A tal proposito parla ormai di un' “Altra Italia” . Per lui è l'idea nuova.. come lo fu allora per Forza Italia. Una forza politica che dovrebbe essere costituita da figure nuove.. non professionisti del settore. Berlusconi accenna a una ipotesi di governo composto da 20 saggi che possa rispettare e dar corso ad un nuovo programma. Per lui questa rappresenta una sorta di crescita dopo che il suo vecchio partito sembra essersi sbriciolato.

Ma quello che per lui appare quasi una rivoluzione... non sembra affatto una idea, poiché rimane legata sempre ad un processo costruttivo di una politica contrapposta e se le idee si limitano ad essere quelle di facciata..come ad esempio cambiare nome o figure..l'innovazione non potrà mai scorgersi. Berlusconi contiua a non accorgersi che il testimone lo ha già passato a Monti e che questi lo ha passato a Letta che infine lo ha ceduto a Renzi.. e che la sua corsa in staffetta è già da tempo terminata..

Sembra strano..ma in questa interminabile corsa... nessun politico accenna mai ad una ricerca o a studi teorici che possano davvero essere la base per una rivoluzione politico istituzionale al fine di rendere più funzionale il percorso....Nessuno si spinge oltre i confini di un sistema che blocca ogni idea, restando imprigionato nella propria presunzione. Così si continua a restare incatenati ad un vecchio modo di leggere la politica attraverso personaggi come Berlusconi che insistono con progetti di cambiamento che riguardano solo una facciata..Sono ormai in molti a pensare che il Cavaliere sia stato cancellato dall'impetuoso Sindaco d'Italia. Un premier che pare marciare spedito verso un traguardo.. portando in mano il testimone.

Ma il traguardo per Renzi è di sicuro a rischio..I suoi elettori non gli credono più come una volta.... e la promessa di tagliare 50 miliardi di tasse in cinque anni sembra essere stata presa in considerazione solo dal 30% degli italiani. Il 70% pare invece non credergli affatto. Queste promesse con fini propagandistici..che potrebbero far salire l'indice di gradimento di tali personaggi, non rendono alcun sostegno ad una vera politica che meriterebbe maggior considerazione in direzione di un utile cambiamento.. sia sul piano organizzativo che sul merito.

Continueremo dunque a avanzare e far procedere tali personaggi prodighi di una falsa comunicazione e privi di iniziative più valide ed utili idee innovative?



21 lug 2015

Ricordarli come esempio..


Dopo oltre vent'anni...dalla loro tragica fine
di vincenzo cacopardo

E' inutile negarlo..in tanti fummo estranei agli atti coraggiosi dei due magistrati uccisi dalla mafia!
Lo fummo, non per contrastare intenzionalmente la loro opera, ma perchè disattenti e coinvolti in altre faccende...distratti da una città che ci regalava il bel mare di Mondello, bellezze naturali e profumi incomparabili …. Per la verità in tanti pensavano che l'argomento “mafia” fosse qualcosa di quasi congenito, formatosi nella cultura della nostra società, che restava impossibile da contrastare. Questa mentalità faceva si che in tanti ..più o meno benestanti... se ne stessero alla larga..avendo chiaro il concetto che l'argomento non dovesse entrare ad invadere la quiete del proprio spazio sociale. Il loro coraggio appariva come inutile...una battaglia contro  un nemico nascosto molto più forte ed indomabile.

Eravamo circondati dal malaffare e da una deleteria mentalità e ne restavamo interiormente estranei!..Fummo egoisti ed egocentrici..ma anche inconsapevoli...e se una colpa abbiamo avuto è sicuramente quella di non esserci calati nell'argomento con più impegno...un po' per paura.. ed un po' per la mancanza totale della presenza di quelle istituzioni che ci avrebbero dovuto accompagnare a reagire e che non lo hanno fatto. D'altronde lo stesso Borsellino affermava che aveva vissuto gli anni della sua giovinezza in un contesto in cui si esaltavano quelle figure prepotenti dei quartieri.. sempre pronte a dimostrare i particolari gesti di mafiosità: Apparivano un pò gli eroi arbitri in un contesto in cui lo Stato e le sue istituzioni avevano lasciato campo aperto. 

L'assenza di uno Stato ha fatto la sua.. sia nell'esercizio della prevenzione e nel controllo del territorio..che nella mancanza di un insegnamento da parte delle scuole e dei luoghi predisposti all'informazione.

Insomma..comunque si voglia rappresentare…questa nostra cultura, era frutto della poca consapevolezza..poichè tanti di noi affrontavano la vita con la forza dei propri sogni.. contornati da una bellezza naturale che, ai tempi, sembrava davvero incomparabile. Se oggi possiamo e dobbiamo fare un'autocritica.. volendo essere obiettivi…potremmo guardare al passato identificandoci come spettatori ignoranti e passivi. Un’assenza fisica, ma anche culturale.. che ha finito col coprirci gli occhi ed ingannarci su quella lotta in contrasto alla crescente cultura mafiosa.

Ci davano fastidio i gesti ..le scorte..le auto che sgommavano..ci dava fastidio il teatro che vi era intorno, ma non guardavamo in profondità nel merito un problema di enorme caratura che andava a sconvolgere l'assetto di uno Stato quasi condizionato dalla prepotente organizzazione...Ma chi doveva istruirci? Chi avrebbe dovuto informarci meglio..quando la stessa informazione veniva manipolata persino politicamente a favore o sfavore dai partiti?... Quando si propagandavano e si contrapponevano pensieri ed ideologie politiche che finivano col sottovalutare e distrarre dall'argomento dominante di quella prepotenza espressa contro le istituzioni.

Abbiamo assistito a miriadi di omicidi di alte e meno alte figure istituzionali..abbiamo subito l'arroganza di poteri costruiti sul malaffare...Fummo ignoranti ed inconsapevoli, ma anche abbandonati dalle istituzioni che sottovalutarono il fenomeno impedendoci di osservarlo col giusto spirito critico, non dandogli il corretto peso. Eravamo in crescita e quindi anche meno attenti..a differenza di oggi.. dove l'austerità e certe problematiche sociali.. ci spingono a valutare ogni fenomeno con molta più attenzione!
Quando si dice che la storia deve potersi leggere ed analizzare col tempo!... Troppo sangue versato prima di intervenire..e ciò ci spinge ancora a riflettere... 

Oggi dopo oltre vent'anni dalla morte di questi coraggiosi servitori dello Stato..tutto appare diverso e più chiaro..come diversi appaiono gli interessi dei gruppi mafiosi che sembrano operare in modo differente. Ma di sicuro diverso è il nostro modo di pensare e di leggere quel passato...

Quella di Falcone e Borsellino rimane una storia triste ed amara che ha avuto solo in ritardo il suo successo nel risveglio mentale dei tanti che...hanno finalmente percepito l’importanza di questa piaga che ha afflitto il Paese.