22/lug/2014

In Sicilia..la politica rimane al passato


UNA REGIONE PRIVA DI UNA  IDENTITA' POLITICA NUOVA
Sappiamo ormai bene come nel nostro Paese tutto sia possibile. Quando si intende portare avanti una linea di programma politico, sono sempre i poteri forti a guidarla. D'altronde la mancanza di un vero sistema democratico fa si che non possa mai affermarsi un alternativa seria in favore di un preciso processo di crescita sociale in equità... proprio per la mancanza di una politica forte e seria costruita su principi e valori fondamentali.. Ma quando si critica in tal modo il percorso disagiato di una inutile politica....si viene sempre presi per stupidi idioti... incapaci di rapportarsi con la realtà di un mondo che cammina spedito verso una logica di convenienze alla quale....si asserisce... nessuno può sottrarsi.
Quella politica inetta sempre alla ricerca delle strade più facili e mai sicure.. dettata dai tanti che la esercitano..sempre più spesso improvvisati o edificatori di un dialogo inconcludente ed incomprensivo alla ricerca di posizioni che non hanno mai una linea di chiarezza... più comode proprio perchè più indefinite, questa è la politica dei nostri giorni! Incapace perchè espressa con incompetenza..o voluta solo per convenienza..ma mai valutata in profondità con logiche solidali ...improvvisata per esigenze personali che nulla hanno a che fare con i bisogni di una comunità.

In Sicilia si rimane ancora aggrappati a vecchi schemi che richiamano partiti ormai alla deriva. Politici di un tempo continuano a padroneggiare e dettare linee e schemi antiquati su destra-sinistra e centro, nel vuoto assoluto di una Regione che pare abbandonata da ogni innovativa cultura politica. Tutto sembra rimasto fermo nel tempo e non si scorgono personaggi che possano infondere la voglia di poter far crescere la politica in un'ottica diversa..di vera innovazione.
Abbiamo ancora in campo ex ministri, come Salvatore Cardinale, che operano quasi nell'ombra, con la vecchia mentalità sistemica centrista e che ritengono di poter continuare a creare movimenti alternativi ad una destra ed una sinistra, ed in qualche modo raccogliere dissidenti renziani e di Forza Italia per potersi costruire un proprio spazio politico...dettando una linea che loro stessi definiscono in modo alquanto sommario ed anacrinistico..nuova.

Siamo rimasti indietro e pretendiamo di crescere soltanto attraverso una mentalità politica del passato che sembra legata a piccoli interessi personali che nulla hanno a che fare con un mondo politico che chiede innovazione e rispetto verso una democrazia...L'importante..per qualcuno di costoro.. è restare alla ribalta!
vincenzo cacopardo

21/lug/2014

Due parole su Berlusconi..e la Costituzione



La costituzione sulla figura del Premier:
Prima di assumere le funzioni, il Presidente del Consiglio e i Ministri devono prestare giuramento secondo la formula rituale indicata dall'art. 1, comma 3, della legge n. 400/88. Il giuramento rappresenta l'espressione del dovere di fedeltà che incombe su tutti i cittadini ed, in modo particolare, su coloro che svolgono funzioni pubbliche fondamentali in base all'art. 54 della Costituzione che così si esprime: I cittadini cui sono affidate funzioni pubbliche hanno il dovere di adempierle con disciplina ed onore, prestando giuramento nei casi stabiliti dalla legge. 

Al di là di ogni valutazione sulle sentenze dei Tribunali...al di là del comportamento di chi come uomo possa sentire il bisogno di invitare e corteggiare in modo più o meno ortodosso una serie di belle donne, al di là delle festicciole sfacciate..delle amicizie equivoche di chi gli portava ragazze eccitanti... al di là persino delle telefonate alla questura.. che in se potrebbero anche essere state eseguite con onestà ed una certa preoccupazione... se proprio dobbiamo valutare il Cavaliere su un piano..è proprio quello politico, poichè... quando si assume un ruolo di Presidente del Consiglio non ci si può prestare a possibili ricatti attraverso strane amicizie e frequentazioni equivoche... 

Un Premier non deve poter essere ricattabile! Questo è l'argomento a cui i suoi fedeli adepti non danno peso, ma è l'unico e più importante che ha veramente deciso le sorti della vita politica di Berlusconi..la sua credibilità..la sua attendibilità..il suo senso morale che, in qualità dell'alta carica, non poteva dispensarlo da una reale sicurezza nei confronti dell'intero Paese.

Se Renzi e tutto il PD ritiene ciò un problema da sottovalutare e pensa di poter dare forza alle sue riforme in complicità con chi ha messo in seria precarietà la sicurezza di una Nazione... vuol dire che sminuisce un principio politico deontologico fondamentale che rappresenta una garanzia per l'intero Paese.
vincenzo cacopardo 

Il tavolino delle tre carte... per le riforme



di vincenzo cacopardo
Per la nuova riforma sul Senato..la bella ministra Boschi continua a vivere dell'unica speranza di chiudere entro il 10 Agosto...per il resto il vuoto assoluto..meglio non approfondire!
Stiamo quindi entrando nella settimana decisiva che porterà l'aula ad un bel po' di interventi e repliche dei relatori e del governo, infine si andrà al voto. Nessuno in seno al governo (Premier in testa) intende disinteressarsi alla priorità di tale riforma e Matteo Renzi procede come un treno affermando che il suo governo non vuole arretrare ... costi quel che costi!

Per Renzi questa riforma sul Senato rappresenta l'inizio di un “profondo cambiamento” ( cambiamento forse...ma profondo sembra azzardato... in considerazione del fatto che proprio nell'impostazione che prospetta il giovane sindaco d'Italia non vi è l'ombra di alcuna profondità..ma un chiaro percorso ristretto alle esclusive esigenze dei costi... e di una governabilità.. assai poco legato ad una logica di vera funzionalità politica).
Il fatto che fino ad ora.. per una simile riforma... si contratti e non si discuta attraverso una analisi profonda dei contenuti di efficienza, non promette risultati positivi. Possiamo solo sperare che a Palazzo Madama vi possano essere le condizioni per un dibattito serio e non si corra pragmaticamente verso tagliole o pretesti vari per chiudere in fretta un dialogo..che vi siano, quindi, i margini per un confronto serio.

Tra immunità parlamentare e sistema di elezione..sembrano comunque esservi pochi margini di confronto, sono in dubbio anche le ultime trattative con il Movimento di Grillo: difficile per i Grillini poter immaginare un voto a favore dell'immunità del PD insieme col centrodestra....ma comunque tutto in questi giorni potrebbe risultare possibile nel gioco delle riforme che sembra ormai diventato per Renzi un gioco simile a quello delle tre carte: Quella del proprio partito...quella del partito di Berlusconi..e quella del Movimento5S.(dove in ognuno vi si annidano dissidenti)
In questo percorso delle riforme riguardanti il Senato e la legge elettorale..nessuno in seno al governo (che sembra guidarne la strada) si pone il dubbio dei risultati che può produrre un qualsiasi accordo di comodo..nessuno si pone il vero problema dell'utilità di questa futura Camera...nessuno, ancora, ha veramente spiegato il vero funzionamento della sua nuova attività.

L'unica cosa che risulta evidente.. è un qualsiasi accordo che possa trasformare il Senato in una Camera ridotta nei numeri e nelle spese..per il resto si vedrà...






17/lug/2014

Povero Paese...espressione di una così infelice politica!

di vincenzo cacopardo

Un incontro in streaming che è sembrato quasi un mercimonio della politica!

Ciò ci cui si dovrebbe discutere con grande responsabilità e scrupolo in una Assemblea Costituente è apparso in TV come una delle peggiori rappresentazioni... dove lo stesso Premier, esternando in modo assai equivoco e sciatto...pancia e fondo schiena pronunciati, è rimasto coinvolto in una discussione sulle riforme...un dibattito ridotto quasi in una ridicola trattativa con chi è sembrato voler scambiare una governabilità con le preferenze.
I “nobili” rappresentanti del PD..insieme a chi da sempre..li ha contrastati su ogni principio sistemico.. hanno finito con l'esprimere una dialettica da negoziato priva di dei principi in favore del fondamentale aspetto dei valori di una democrazia.
Per la delegazione del Premier..la discussione è parsa incentrata sul principio di una governabilità sicura che... anche fosse il 52% metterebbe lo stesso in crisi una stabilità..mentre per la delegazione 5S il problema della governabilità non potrebbe prescindere dalle preferenze e dalla possibilità di poter essere definita con un ballottaggio su uniche liste.. evitando quello meno sensato tra le coalizioni.

Comunque voglia leggersi questo incontro.. dovrebbe far pensare l'intera Corte Costituzionale.... in primis.. perchè il principio della governabilità, oggi tanto consumato come strumento e mezzo essenziale per condurre la guida organizzativa di uno Stato, è in sé un fine...un fine che deve essere conquistato con la trasparenza attraverso una solida ed aperta base di consensi...in seconda battuta perchè appare davvero anomalo questo metodo per la costruzione delicata delle riforme che dovranno guidarci verso il futuro... senza prima slegarsi dalla enorme serie di conflitti esistenti tra i poteri..(poteri che in sé, come tanti sanno fingendo di non sapere... costringono persino lo stesso iter riformista)...ed infine perchè ogni trattativa di questa portata non potrà mai rendere alcuna giustizia al percorso funzionale di una politica senza prima fornire le nuove regole alla disciplina dei Partiti. Tutti temi profondi che non potranno mai trattarsi nel chiuso di una camera ..prima con una rappresentanza di un Partito e poi con un'altra...ma che necessitano di una vasto contributo persino da parte delle minoranze.

Per quanto riguarda il Premier.. tutto resta costruito ed indirizzato a precisi interessi sulla definizione di una soglia di maggioranza decisa preventivamente a tavolino... senza alcuna analisi precisa sul merito ed il valore che essa deve esprimere, ma in forza di una semplificazione di un rigido determinismo..... roba da far rivoltare nella tomba i padri costituenti e tutti coloro che hanno creduto ai veri principi di una democrazia che oggi sembrano passare in secondo piano..

Quello che interessa a Renzi è una maggioranza solida e sicura a prescindere da come possa essere definita....quello che invece è parso di interesse per il M5stelle è il poter dare forza ad una preferenza....omettendo di riflettere sul grande peso che oggi hanno alcune figure e gli stessi Partiti in ogni contesto territoriale.


Povero Paese...espressione di una così infelice politica..!      

L'Italia che cambia 17/Luglio 2014

IL FALSO PARADIGMA DI UNA POLITICA COSTRUITA DALL'ALTO
Un movimento sfida con grande umiltà la politica governativa Renziana


senza democrazia non vi è libertà”

Renzi premia una governabilità costruita dall'alto, noi desideriamo individuarla attraverso un vero consenso democratico spinto dal basso..Nel rilanciare il referendum contro la nuova legge elettorale. MGO, ha già dimostrato di lottare per una giusta causa che pone la “rappresentanza democratica” come necessità primaria per il rispetto che si deve ai cittadini e per la stessa efficacia e legittimità di un utile “governo” del Paese.

Ogni momento è importante per far sentire la nostra voce e noi lottiamo giorno per giorno a favore del Paese e per quei cittadini che credono in una legge elettorale migliore. Se oggi si rititene di poter far vincere i poteri forti ...non ci si potrà meravigliare nel prossimo futuro di vedere risorgere le piazze e le continue contestazioni. Il nostro vero scopo è quello di dialogare per far comprendere ai cittadini l'essenziale bisogno di una rappresentanza democratica: -senza rappresentanza del popolo non vi è democrazia....e senza democrazia non vi è alcuna libertà.

Il Movimento Gente Onesta crede fermamente in una democrazia, senza la quale qualunque politica Renziana fondata su un inusuale paradigma governativo.. non potrà affermarsi per cambiare il paese Italia.

La nuova legge elettorale che si sta imponendo... non permette ai tanti Movimenti come il nostro.. di potersi ritagliare un giusto spazio per esprimere le proprie idee.....E' questo quello che vogliamo?.... E' questo il metodo per chiudere il pensiero e la bocca dei tanti cittadini?..E' questo il nuovo cambiamento oggi tanto desiderato? ..
Quella di MGO rimane..quindi.. una valida via d'uscita per tutti coloro che ancora credono in un concreto cambiamento condotto democraticamente e con una onestà intelletuale oltre che morale.

G.Prete
presidente MGO.

Le aporie delle riforme che generano discordanze


IL SINDACO DEI SINDACI E LA SUA LIMITATA VISIONE AMMINISTRATIVA
di vincenzo cacopardo
E' veramente strano che in tanti e soprattutto in seno al suo stesso partito non si siano accorti chi cè veramente Renzi...qualcuno continua ancora a sottovalutarlo , ma Matteo, gran conoscitore di un certo tipo di comunicazione e delle sue tecniche, continua ad asfaltare (come si usa dire oggi) chiunque osi mettersi contro. Lo fa oggi non solo perchè si trova più porte aperte, ma anche grazie al suo stesso Partito che non trova chi è capace, attraverso seri argomenti, di porre alternative valide al suo progetto. A differenza di Carlo Freccero che definisce Renzi “cattivo o persino cattivissimo”..(nel senso che ama il potere per il potere)...io ritengo il sindaco d'Italia troppo ambizioso, ma anche fortunato..poichè favorito dall'assenza di validi antagonisti. La sua fortuna però potrebbe cambiare di colpo, vista la mancanza totale di quella essenziale umiltà che.. in certi casi.. non deve mai mancare.
Bisogna comunque..dare atto a Matteo Renzi della sua capacità strategica, se pur favorita da una fortunata coincidenza con un periodo di decadenza della politica, che lo predispone in una sorta di facile escalation. Il suo mostrarsi determinato ancora più di come lo fu Berlusconi ..Il suo imporsi nel suo Partito ed in favore di una governabilità con i metodi di un asfaltatore...piace agli italiani...In questo suo procedere ...quello che in realtà gli manca..è proprio il senso della democrazia.... d'altronde...se lo avesse..non potrebbe seguire questo percorso con tale sicurezza..e determinazione.
Adesso che il ddl Boschi sull'abolizione del Senato è arrivato in aula, Renzi continua ad insistere col non accettare defezioni. Le sue parole «Chi vota contro si mette contro l'Italia, le impedisce di uscire dalla crisi, tradisce l'impegno che io ho assunto in Europa. Ne dovrà trarre le conseguenze anche nel partito».... suonano come un ultimatum. Ma intanto le aporie sul decreto per il nuovo Senato crescono e gli emendamenti in aula si contano a migliaia ed anche in Forza Italia c'è chi non digerisce una riforma del Senato non eletto direttamente dal popolo.
Una delle singolari caratteristiche che si evidenzia nella originale opera politica di Renzi è proprio il fatto che il suo non è esattamente un percorso diretto attraverso una vera logica politica..ma un esplicarsi prevalentemente verso un unica ottica di criterio amministrativo: come se pretendesse di poter esercitare una rivoluzione attraverso riforme che mirino ad un unico scopo gestionale..quando si sa bene che la politica non è semplice gestione governativa. Se la si volesse in tal modo, non vi sarebbe alcuna ragione di sostenere un parlamento ed i relativi partiti. La sua visione politica rimane quindi monca e ristretta ad un unico obiettivo che non potrà mai conciliarsi con un vero principio democratico.
In questa battaglia delle riforme, le antinomie risaltano sempre di più perchè si tendono ad escludere i valori fondamentali di una democrazia ponendo dinanzi a tutto un problema di costi e di vantaggi verso una governabilità..e proprio ciò che ha sempre messo in evidenza Renzi, il quale potrebbe essere definito “il sindaco dei sindaci” ma mai un vero statista! Una figura amministrativa forse capace... ma con un deficit evidente del senso della democrazia …...
Il rischio che non si raggiungano i due terzi di voti per scongiurare la verifica del referendum esiste ed il “sindaco d'Italia” lo ha messo nel conto, considerandolo un danno minore. Renzi sa di poter muoversi su più fronti...ed in questo momento quello che più gli preme sembra essere il suo rapporto personale con l'Europa e qualche nomina che potrebbe permettergli un rimpasto in seno al suo governo.

nuovo articolo di Domenico Cacopardo



L’azzardo e la furbizia 
di domenico Cacopardo


Sembra il risultato di una malevola regia il coincidere di appuntamenti parlamentari, presidenziali ed europei: tutti in questi giorni, tutti vitali per la sopravvivenza del nuovo leader che ha monopolizzato i media e messi d’accordo i partiti, compreso, in qualche misura, il medesimo Movimento grillesco, mai come ora in fibrillazione e imbarazzo.

Dall’esito degli appuntamenti dipende il futuro di Renzi: questo specialista della ginnastica orale, degli annunci cui non corrispondono effettivi provvedimenti, delle furbizie di chi è avvezzo alla politica, imparata alla scuola degli scout, del cinismo più radicale (vedi caso Enrico Letta e caso D’Alema) deve superare una serie di prove cui, lui stesso, ha dato un’importanza decisiva. 

Renzi è un capo con una certa autorità, ma senza autorevolezza e, visto che quest’ultima non si compra alla Coop di Pontassieve, deve conquistarsela. Anche i cerchi magici che si sono costituiti intorno a lui lo osservano con curiosità e diffidenza: vogliono capire se si tratta di un cavallo di razza o, invece, di un ronzino che le circostanze hanno posto al centro della scena con responsabilità insostenibili. Per non dire ciò che si mormora e si prepara nel suo partito, dove sotto le acque leggermente mosse di una resistenza vintage anche i più prudenti manifestano perplessità o, talora, sono costretti a precisazioni a denti stretti, come Luigi Zanda, per le sciocchezze pronunciate dal premier su alcuni aspetti della riforma del Senato.

E per non immaginare quello che passa nella mente di Silvio Berlusconi, il timore cioè di avere puntato tutto (o quasi) su una pedina smorta senza presente né futuro.

Queste sono soltanto mere constatazioni.

Torniamo al caso della Mogherini candidata all’incarico di Pesc (ministro degli esteri dell’Unione). Siamo rimasti sorpresi dalla scelta di Renzi: una signora nessuno, senza curriculum, relazioni internazionali e peso. La risposta ricorrente era che, rendendosi conto delle deficienze della sua squadra governativa e avendo voglia di procedere a un rimpasto, il premier intendesse liberare il ministero degli esteri per giocare una nuova partita dei Quattro cantoni.

Aveva in Italia due candidature di prestigio da proporre e vi aveva rinunciato: quella di Massimo D’Alema, che, al di là delle personali simpatie, ha un importante curriculum interno e internazionale (vedi la presidenza della fondazione europee di tutte le fondazioni socialiste nazionali), ed Emma Bonino, anch’essa onusta di un eccellente passato, a parte la deludentissima prova fornita con Enrico Letta, proprio agli esteri.

La sciocca furbizia del primo ministro si è manifestata nel porre D’Alema come riserva della Mogherini, per il caso in cui il suo nome non riuscisse a passare.

Quando scriviamo non conosciamo l’esito del vertice dedicato alla nomina. Per quello che abbiamo appreso, dopo qualche telefonata in giro, anche il Partito socialista europeo ha il mal di pancia: legare il ruolo di capo delegazione (del Pse) nella Commissione (il governo comunitario) a un peso piuma come la Mogherini ha creato perplessità, non consensi.

Se la spinta non avrà successo e saremo costretti a sopportare che la ragazza continui a occupare la casella della Farnesina, e sarà nominato D’Alema, Renzi avrà da pagare due sgradevoli conti: quella della candidata, che non potrà non portargli rancore per l’uso improprio del suo nome, e, per l’affronto subito, quello di D’Alema che ben saprebbe che l’eventuale nomina sarà dovuta al Pse e non al Pd.

Insomma, una roulette russa continuata, nella quale ogni volta questo fiorentino dalla lingua sciolta si gioca la sopravvivenza politica.

16/lug/2014

A proposito di Berlusconi...

 "IL NAZARENO.."UN TRATTATO" DA RICORDARE".
di vincenzo cacopardo
Berlusconi difende con forza il patto del Nazareno. D'altronde sappiamo bene come il Cavaliere è sempre fedele ai patti....Ma quali patti? Come si possono in politica sostenere patti..quando dall'oggi al domani tutto cambia e rimane mutevole? La coesione sulle riforme è sicuramente necessaria ma non può essere soggetta a patti stabiliti nel passato da figure nemmeno rappresentate in Parlamento.
Eppure..così come Renzi mette in riga il suo Partito... alla stessa stregua il Cavaliere non permette ad altri di opporsi ai suoi percorsi!
L'intenzione del Cavaliere è quella di procedere con le riforme opponendosi poi su tutto il resto..soprattutto sui temi della crescita e del lavoro... Sì alle riforme ed opposizione durissima sul resto! «Il patto del Nazareno va onorato perché dopo le europee Renzi ha il consenso per procedere senza di noi e noi, se ci sfiliamo, rischiamo di essere ininfluenti». In queste parole vi è la solita logica di importanza personale e non certo di interesse politico generale. Berlusconi chiede unità, usando come spesso usa fare lo stesso Renzi... metafore calcistiche: «la squadra che non è credibile se litiga negli spogliatoi; “non rispettare i patti sarebbe un autogol»...etc... Molto simili anche in questo!
Ma anche lui, come nuovo sindaco d'Italia, si ritrova i cosiddetti malpancisti all'interno del suo Partito che non condividono il suo percorso e la fiducia che lui stesso ripone in Renzi. Berlusconi chiude il suo dialogo all'interno con i suoi dichiarando «Capisco che alcuni di voi sono scettici ma così ho deciso. Se non siete d'accordo convincete la maggioranza del partito». «Votate pure come volete ma se lo fate non aspettatevi poi che vi guardi allo stesso modo». Sono le parole decise e sicure che suonano persino come un avvertimento..sono le parole di chi sa che il partito è suo!..D'altronde è noto che la forza economica di Berlusconi è in grado di mettere a tacere chiunque che... al contrario di lui, può esser considerato come un ospite.
Intanto si attende per il 18 di questo mese la sentenza di Appello sul caso Ruby dove la procura ha chiesto per il Cavaliere una condanna fino a sette anni e dove l'ipotesi degli inquirenti è quella che l'allora Presidente del Consiglio ha finito con l'utilizzare le proprie funzioni per esercitare pressioni al fine di ottenere il rilascio della giovane marocchina.
Le restanti truppe del Partito..assai vicine al Cavaliere... si schierano compatte in favore del loro capo e quando nei talks qualcuno mette in discussione la possibilità di lasciare a Berlusconi un dialogo per le riforme...apriti cielo..guai a togliere la guida politica a chi, anche pregiudicato, dimostra di avere in mano i voti di milioni di cittadini! ..La loro linea è sempre la stessa e persino avvalorata dal comportamento del nuovo Premier Renzi..e cioè: Una cosa è la linea politica ed un'altra sono le vicende giudiziarie in cui spesso si viene coinvolti in modo persino insensato!
Al di là di ogni valutazione sulle sentenze dei Tribunali...al di là del comportamento di chi come uomo possa sentire il bisogno di invitare e corteggiare in modo più o meno ortodosso una serie di belle donne, al di là delle festicciole sfacciate..delle amicizie equivoche di chi gli portava ragazze eccitanti... al di là persino delle telefonate alla questura.. che in se potrebbero anche essere state eseguite con onestà ed una certa preoccupazione... se proprio dobbiamo valutare il Cavaliere sul piano politico deontologico... quando si assume un ruolo di Presidente del Consiglio non ci si può prestare a possibili ricatti attraverso strane amicizie e frequentazioni equivoche... Un Premier non deve poter essere ricattabile! Questo è l'argomento a cui i suoi fedeli non danno peso, ma è l'unico e più importante che ha veramente deciso le sorti della vita politica di Berlusconi..la sua credibilità..la sua attendibilità..il suo senso morale che, in qualità dell'alta carica, non poteva dispensarlo da una reale sicurezza nei confronti dell'intero Paese.


14/lug/2014

Oltre 6.000.000... i poveri assoluti del paese Italia



La povertà del Paese che non sfrutta le proprie risorse naturali.
di vincenzo cacopardo

Nel 2013 una persona su 10 in Italia è in povertà assoluta. Si raggiunge così il record di persone che vivono in povertà dal 2005, quando è iniziata la diffusione di questa stima da parte dell’Istat. Sui dati dello scorso anno 6.020.000 restano poveri assoluti...una percentuale che tende ad aumentare di continuo e se pensiamo che questa cifra nel 2005, si fermava a poco più di 2.300.000 persone, non c'è da stare sereni.
Naturalmente quelli che stanno peggio sono gli gli anziani e soprattutto coloro che vivono con una pensione minima...e che non hanno più le forze fisiche per trovarsi un lavoro. Ma è proprio il lavoro quello che manca in questo Paese ed è inutile illudersi che con una simile politica si possa dare sfogo a nuove iniziative o ad un adeguato sostegno a chi ne ha più bisogno. Ancora secondo i sondaggi riportati dall'Istat tra il 2012 e il 2013 l'incidenza di povertà assoluta è aumentata, soprattutto nel Sud Italia. Il Giornale scrive che “sono poveri in maniera assoluta 725mila persone in più tra quelle che vivono nel Mezzogiorno”.

In questo quadro riesce davvero difficile non poter pensare che ciò possa essere un piano sofisticato per cancellare da un mondo, ormai fin troppo popolato, la parte più debole che vi vive. Ma questo è sicuramente un argomento da affrontare separatamente attraverso una analisi più profonda e peculiare che ha caratteristiche internazionali.

La pesante problematica del Sud...invece... non preoccupa più nessun politico..men che mai il nostro presidente del consiglio tutto dedito a riformare in fretta e con l'usuale determinismo..Il Sud muore a poco a poco ed il tempo non gli permetterà più alcuna ripresa..giacchè persino il Nord soffre e la politica... al servizio di una economia internazionale..sembra tenersi assai lontana da qualunque ottica di sviluppo più congeniale per l'intero Paese.
Eppure è proprio il mezzogiorno ed i valori naturali rappresentati dal suo territorio..i suoi prodotti...la terra ..il mare, il clima ed una certa naturale bellezza... che potrebbero far crescere l'intero paese. Il bisogno di investire lì dove il territorio è ricco di un prodotto naturale e di una bellezza paesaggistica per arricchirlo di particolare qualità... è primario.. oltre che necessario! Di difficile imitazione persino anche per quei paesi che oggi rappresentano il vero fronte armato di chi lavora solo per aumentare l'inverosimile produzione senza una necessaria qualità.

Non accorgersi di ciò significa non intuire l'importanza di un territorio ancora fonte di una naturale bellezza...di prestigiose opere archeologiche e di un ambiente adatto per una produzione agricola ed ittica di grande qualità. Un territorio a cui mancano ancora le essenziali opere infrastrutturali che possano permettergli quel rilancio tanto atteso da decenni...
Occorre un disegno strategico e deciso che possa esprimersi con efficacia...un disegno che accompagni questo mezzogiorno verso una crescita più logica e pertinente..che è quella desiderata da chi vi vive, e non da chi continua ad esercitare una certa politica.



11/lug/2014

Il riformismo "renziano" che premia solo la governabilità


SE NON SEI PER LE MIE RIFORME.. SEI CONTRO IL CAMBIAMENTO”
di vincenzo cacopardo

Noi le riforme le facciamo, piaccia o non piaccia a chi vuole frenarci”, una stoccata ancora contro quelli che il sindaco d'Italia definisce i “signor no” della politica odierna. Renzi, con furbizia e ambiguità, continua a metterla sul piano del “si o del no” senza tener conto del merito stesso delle riforme. Tende a costruire una falsa contrapposizione tra chi le riforme le vuole e chi no, tralasciando il fondamentale aspetto inerente le stesse... volendo fare apparire chi non è d'accordo col le sue riforme.. alla stregua di chi non vuole un cambiamento... Ha sempre agito così.. con quella determinazione di chi è consapevole che con questa strategia potrà uscirne vincente: approfondire meno...contrapporsi con forza.. per ottenere di più!

La riforma costituzionale, la legge elettorale, quella del lavoro, della semplificazione, della burocrazia, sulla giustizia.... il Premier intende portare avanti tutto ed in fretta poiché questo è per lui il momento più favorevole. Per qualcuno sarà anche normale, ma per chi è attento ed entra in profondità in questi delicati temi... si tratta di una vera rivoluzione destinata a stravolgere il percorso di una politica per il futuro.. senza risultati sicuri.
Da consapevole seduttore di un popolo, Renzi dice che il governo andrà avanti.. ed afferma che ciò che si sta facendo...lo si vuole per il bene del paese...paese che non si può lasciarlo a chi dice solo no e disfa i suoi progetti...Responsabilizzare di continuo coloro che potrebbero anche non condividere metodi e merito dei suoi programmi, rendendoli nemici del cambiamento.... fa parte della solita comunicazione del giovane Premier...L'enfasi con cui si esprime non ha limiti e condanna in senso assoluto chiunque intende andare contro la sua determinata strada..sola via di chi si erge ad unico profeta di una politica del cambiamento.

Povera Italia!...Adesso si chiuderanno definitivamente le strade verso una democrazia più corretta che, proprio per compensare ill periodo di sbandamento della politica degli ultimi tempi, avrebbe potuto dare stura ad un percorso più utile e funzionale...ad una reazione più solida e connaturale alla sovranità popolare. Si ricostruirà l'opera monolitica di un bipolarismo dove un'unica Camera, attraverso ricchi premi di maggioranza e soglie macroscopiche di sbarramento, renderà forza ad una governabilità solo falsamente stabilita democraticamente.
Anche M5S sembra ormai entrato nell'orbita di chi considera la governabilità come uno scopo..il Movimento appare un corpo parecchio assorbito al sistema renziano. La loro lotta che doveva rappresentare la rottura con un vecchio sistema.. sembra sempre più accostarsi all'opera di ristrutturazione del vecchio impianto (da loro prima deprecato e combattuto).


In una democrazia la governabilità è un fine!....o si costruisce dal basso o non potrà mai avere quella forza necessaria..restando effimera e poco stabile...Se la si vuole rendere forte a prescindere...ingabbiando la voce proveniente dal basso, sarà lo stesso sistema democratico a manifestarsi debole e crollare... Il neorenzismo..che in realtà somiglia tanto ad un postberlusconismo... continua ad affascinare il nostro popolo che nel futuro avrà poco da lamentarsi..non riuscendo minimamente a percepire la differenza tra un sistema democratico ed una oligarchia partitica supportata da una prevalente governabilità voluta dai soliti poteri forti.