4 dic 2019

DI MAIO: AMBIGUO...TRA I MERCATI IN ALLARME



Quando si appoggia.. o meglio si entra..in un governo la prima regola è quella di difenderlo a spada tratta! L'ambigua scelta di Di Maio che penalizza di certo sia l'immagine che il lavoro stesso del Premier, arreca danno alla stessa immagine del Paese nella Comunità...ma fa di peggio! Mette in allarmi i mercati!
di vincenzo cacopardo
E' vero!... I mercati non piacciono a tutti, anzi per la verità non possono mai piacere ad un popolo che vive nelle difficoltà! Tuttavia l'atteggiamento di un alleato di governo che.. tra l'altro possiede la maggioranza dei gruppi in parlamento, provoca di fatto allarmi in Europa per un Paese come il nostro che ha un debito pubblico alto.
Di Maio è quasi intestardito nel tenere i piedi nel governo, dovendo contenere il dissenso di chi in seno al Movimento mantiene i suoi principi in riferimento al MES. Per far questo, in un equilibrio quasi precario, assume una posizione equivoca che provoca difficoltà al premier Conte nei confronti del suo ruolo presso l'Europa.. finendo anche col creare allarmi tra i mercati.
Siamo sempre lì..in questo Blog lo mettiamo in rilievo da diversi anni: Quando si è leader di Partito o movimento che sia, e si assume nel contempo un ruolo governativo, si finisce col creare contraddizioni e persino pericolosi conflitti tra le stesse funzioni. In certi casi la contraddizione evidente potrebbe persino sfociare provocando speculazioni sul debito. Sono conflitti evidenti dei quali si finge di non accorgersi e per i quali è inutile aggiungere altro!
Malgrado sia Conte che Di Maio fingono pubblicamente di ammorbidire i toni, non può sfuggire a nessuno lo stato di difficoltà in cui grava lo stesso governo..reso ancora più aggravato dalle dichiarazioni dello stesso leader del Movimento che dichiara audacemente come il suo M5s continua ad essere l'ago della bilancia di questa formazione governativa: Parole di certo non appropriate al difficile momento che.. oltre a toccare la personalità del premier... non dovrebbero far tanto piacere all'alleato PD..

3 dic 2019

MES: strumento di lite per le opposizioni sovraniste


di vincenzo cacopardo

Sia alla Camera che al Senato, dopo le dichiarazioni del premier Conte, si è assistito ai soliti tumulti ed al consueto esagerato sproloquio privo di decenza.. mancando di entrare con maggiore interesse nel merito. Si intuisce come alcune figure dell'opposizione si siano accanite con forza contro il Premier facendo gioco sul tifo di una parte del popolo che assai poco conosce la questione e che soggiace al monito di chi vorrebbe incutere loro paure!

Il MES è un meccanismo istituito nel passato: Già da tempo.. il Fondo europeo di stabilità finanziaria (società di diritto che poteva prestare denaro ai Paesi membri o acquistare i loro titoli di Stato a interessi più bassi rispetto a quelli praticati dal mercato finanziario) col perdurare della crisi, si è evoluto nel Mes.

Nel passato il timore dei Paesi economicamente più solidi era quello che intravvedeva la possibilità che quelli più deboli scaricassero i loro debiti sugli altri cittadini della Comunità. Quando, però, nel 2010-2011 la crisi mise in ginocchio questi Paesi più deboli, l’Ue ed euro rischiavano di saltare ...Ed ecco la ragione per la quale venne istituito il fondo salva Stati. Il primo contributore del fondo è la Germania con il 27% del capitale...poi la Francia con poco meno.. ed il nostro Paese che partecipa con meno del 18%. Sarebbe superfluo aggiungere che il Paese che chiede l’intervento del Mes deve di contro accettare alcune condizioni: Tagli al deficit e al debito e le importanti riforme strutturali.

Quindi il tanto discusso Mes decide se aiutare o meno il Paese in difficoltà... con una super maggioranza di voti dei Paesi membri ed opera in coordinamento con la Commissione europea cui spetta la negoziazione con il Paese coinvolto nel salvataggio.
Oggi le opposizioni gridano pretestuosamente perchè tali fondi possono servire per aiutare prevalentemente le banche dei Paesi più forti in crisi. Tuttavia per logica risulta difficile eliminare tale istituzione oggi..senza aver mai posto delle condizioni nel passato!..Sarebbe come cambiare certe regole in corsa.. simile a quella di voler uscire dalla moneta unica. Che poi vi possano essere alcune evidenti criticità non v'è dubbio! Ma si può di certo lavorare con la stessa Unione con metodo ed equilibrio per correggerle al fine di aiutare veramente e non specularvi.

Al di là di come si voglia o meno criticare questo meccanismo già istituito da tempo, quello su cui si è accanita l'opposizione..(nelle figure di Salvini e Meloni) ha fatto forza soprattutto sul metodo: E' stato un attacco contro il Premier definito dagli stessi come un bugiardo. In sostanza.. il premier avrebbe asserito che il governo non ha firmato nulla, ribadendo che la riforma del Mes possa ancora essere modificabile.. dimenticando le parole del ministro del suo governo Gualtieri, che in commissione aveva spiegato che non si sarebbe potuto emendare nulla in proposito per quanto già deciso dall'Euro gruppo.

L'opposizione sembra essersi fissata fin troppo sulla questione del metodo dimenticando di entrare meglio in una discussione di merito. Usando in modo quasi propagandistico l'argomento a proprio beneficio elettorale per le prossime eventuali consultazioni. Sia alla Camera che al Senato, dopo le dichiarazioni del premier Conte, si è assistito ai soliti tumulti ed al consueto esagerato sproloquio privo di decenza: Si intuiva come alcune figure dell'opposizione si siano accanite con forza facendo gioco sul tifo di una parte del popolo che assai poco conosce la questione e che soggiace al monito di chi vorrebbe incutere loro paure!

Una nuova discussione sul MES avverrà quanto prima ..Ma rimane alta la tensione che di sicuro non potrà aiutare i mercati! Rimangono i dubbi, le incertezze, tuttavia resta indiscusso il fatto che argomenti di questa importanza non potranno mai essere slegati da un concetto di unione con gli altri Stati della Comunità che, malgrado le differenze, non potrebbero mai tollerare la mancata osservazione di regole già innestate nel passato.

Indubbiamente questo è uno di quei nodi che sono venuti al pettine per via dell'improvvisazione con la quale si è proceduto nel passato a creare l'unione non definendo bene i contorni di alcune logiche economiche sociali dei Paesi aderenti: Nella fase di costruzione per l’unificazione è venuta a mancare quella azione preventiva e di studio che doveva mirare a salvaguardare le comunità meno progredite e meno pronte: Più che pensare ad un Fondo Salva Stati sarebbe stato più avveduto pensare a qualche azione preventiva.

29 nov 2019

PARTITI E FONDAZIONI TRA CONFLITTI E ANOMALIE


La faccenda Renzi e sui conflitti insiste su due strade: Quella pubblica relativa alle regole delle Fondazioni e quella privata inerente all'acquisto della nuova villa sopra Piazzale Michelangelo a Firenze. Alcuni giornali hanno abbondantemente scritto in proposito forse anche superando certi limiti circa l'informazione su inchieste ancora in mano alla procura, tuttavia il nodo rimane.. e la politica sembra non aver affrontato con la giusta attenzione temi che riguardano i Partiti, le Fondazioni ed finanziamento privato a chi prevalentemente deve operare per un bene sociale.

di vincenzo cacopardo

Sappiamo che una Fondazione è un’organizzazione stabile che possiede un patrimonio, ma persegue uno scopo non economico. E si sa anche che i beni destinati ad una Fondazione devono essere tutelati con il vincolo di destinazione per il perseguimento dello scopo prefissato. E' importante quindi che queste regole abbiano una certa corrispondenza con quella dei Partiti al fine di non creare anomalie e conflitti.

E' qui importante specificare quanta mancanza di riflessione sia stata fatta nel momento in cui si sono intraprese le regole dei finanziamenti privati ai Partiti: Cioè.. verso le organizzazioni che guidano le proposte politiche e non a chi dirige un governo!
In breve: Queste donazioni devono servire alle organizzazioni politiche dei Partiti per attività di comunicazione relative alle loro proposte..Quindi se viene fatta una legittima donazione ai Partiti, rimane meno legittimo e assai più discutibile che un leader di questi Partiti possa avere l'opportunità di usarli nel momento in cui assume il ruolo di premier e quindi una carica oltre che di partito e parlamentare, anche amministrativa di governo, potendo..attraverso questo potere esecutivo.. accingersi a rendere favori a chi abbia partecipato a destinare fondi per la stessa fondazione che lo ha promosso.
Siamo sempre lì: Ruoli partitici di politica parlamentare.. senza limiti e perennemente amalgamati e confusi con ruoli amministrativi di governo!

Ricordiamoci che ad un Presidente del Consiglio, in quanto capo dell'Esecutivo, la Carta costituzionale conferisce un'autonoma rilevanza, facendone il centro nevralgico dell'intera attività del Governo: Egli dirige la politica generale e ne è il responsabile, mantenendo l'unità di indirizzo politico ed amministrativo. Tutto lecito quindi? Può darsi, tuttavia se per quanto riguarda l'ordinamento giudiziario vi sono i magistrati ad indagare.. si pone di certo un quesito etico politico grande come una casa!

Sull'acquisto dell'immobile da parte di Renzi sappiamo che sarebbe stato comprato grazie ad un prestito di 700mila euro da parte di una famiglia attraverso la sottoscrizione di una scrittura privata: Una famiglia che aveva partecipato a quella fondazione Open che aveva permesso l'ascesa politica del leader toscano. Prestito restituito in meno di cinque mesi... Per certi versi una cosa del tutto legittima e ineccepibile, ma di certo inopportuna e potenzialmente anche destinata a creare compromessi per chi esercita ruoli politici.

Al di là dell'inchiesta in mano ai magistrati che verificheranno carte e documenti di riscontro, la faccenda non potrebbe mai sottrarsi al primo punto relativo ad un conflitto in quanto Renzi è stato si Leader del Partito... ma per lungo tempo anche Premier.
Si potrebbe perciò porre quasi naturalmente da parte dei magistrati il legittimo dubbio che Renzi abbia potuto gestire la carica di primo ministro beneficando qualche membro della fondazione Open, dubbi che non possiamo che lasciare in mano a chi le carte le conosce.

Quello che a noi importa è capire per quale ragione la politica non si sottrae a questi continui conflitti ponendo regole più affidabili e funzionali nel rispetto dei ruoli e delle competenze: Se da un lato non possiamo meravigliarci di questo.. rimaniamo fermi e dubbiosi sull'aspetto etico relativo ad un'opportunità da parte di un politico che tende a muoversi con tale disinvoltura nei meandri di un quadro confuso che genera perpetui conflitti.






27 nov 2019

RENZI E L'ARTICOLO 49


Sull'onda dell'inchiesta Open, Renzi si domanda "Chi decide oggi cosa è un Partito? La politica o la magistratura?..Questo per lui è un punto sul quale si gioca una sfida decisiva per la democrazia. Renzi chiede quindi di sapere se i Partiti sono quelli previsti dall'articolo 49 della Costituzione o quelli decisi dai magistrati che oggi lo indagano.
di vincenzo cacopardo

La domanda potrebbe essere lecita.. soprattutto quando si viene indagati, tuttavia il quesito è mal posto..cioè la responsabilità non è proprio quella dei giudici inquirenti sottoposti ad un lavoro di indagine..quanto quella dei politici che ancora non esercitano la loro giusta funzione sulle riforme e che quindi fanno ricadere su loro stessi ogni forma di garanzia: Proprio la riforma dell'articolo 49..cui fa cenno Renzi... già da tempo si sarebbe dovuta prendere in seria considerazione. Quindi ne Renzi ..ne altri leader politici potranno mai lamentarsi di ciò che oggi ci da' spunto per intraprendere una breve analisi su quello che  in realtà esprime l'articolo 49 della Costituzione e che non sembrerebbe del tutto completo nel suo disciplinamento.

Tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale.” In sostanza il costituente afferma il diritto di ciascuno di costituire partiti come espressione di un diritto di libertà dei singoli. La manifestazione del pluralismo, dovrebbe rappresentare una delle basi dell'ordinamento democratico. 
La disposizione sottolinea che una delle principali funzioni dei Partiti e quella di partecipare alla politica della Nazione attraverso un confronto reciproco basato sui principi di una democrazia. Nei fatti, stabilito un proprio programma, procedono poi ad individuare coloro che intendono proporre come candidati e diffondendo il proprio pensiero tra i cittadini attraverso le campagne elettorali, al fine di attirare consensi.

Dal punto di vista della struttura organizzativa, essi sono associazioni private non riconosciute e ordinate stabilmente. Non vi è però dubbio che, nella Costituzione, manca una normativa più specifica sollevando dubbi circa la libertà di cui godono gli aderenti. Mancano i confini, ma anche una più articolata funzione di ruolo, manca una maggiore disciplina...nel senso di fornirgli limiti alla loro azione..ed alle garanzie.

Insomma..soprattutto nella fase odierna in cui la perdita dei "valori" è stata già da tempo travisata..o persino alterata.. con quella del "potere", occorre mettere mano ad una riforma dei Partiti che possano garantire ai cittadini una maggiore conoscenza ed un più corretto modo di giudicarli per un consenso.

26 nov 2019

DOPPI RUOLI E CONFLITTI: la politica non comprende



di vincenzo cacopardo

Continuano facendo finta di non capire...o forse non comprendono veramente? 
Ma sulla questione del doppio ruolo non si può far finta di non vedere! Di Maio..come Salvini..Salvini come Renzi..Renzi come Berlusconi..e così via..insistono nel loro percorso dedito soprattutto alla loro immagine..facendosi scudo di un legittimo principio dei due ruoli!

Oggi il ministro degli esteri Di Maio rimane bloccato nel territorio Nazionale per affrontare e seguire una campagna elettorale il Calabria ed in Emilia...Gira in Sicilia per le aree che hanno subito danni per il maltempo..promettendo..quando non sarebbe compito suo, ma del ministro per l'ambiente o forse anche per il mezzogiorno e finanche compito di un premier...Sottrae così il giusto spazio ad un compito istituzionale per il Paese che gli è stato conferito....Insomma.. perchè abbiamo un ministro degli esteri impedito nello svolgere il suo preciso lavoro e di contro.. così dedito a questioni che dovrebbero riguardare altri? Alla stregua di un Salvini quando era al ministero degli interni tanto dedito a girare l'Italia per una propria propaganda?
La risposta è chiara: Perchè sono leader di Partiti! ..Ed ecco il perenne conflitto del quale non si vuole tenere conto!

La inquietante questione è anche semplice da intuire: Ormai la politica procede senza più principi ...libera in un percorso dove proprio i doppi ruoli creano quel caos iniziale dove tutto il resto appare come una logica devastante conseguenza in seno alle istituzioni: E fin troppo evidente che chiunque assuma un ruolo di leader di Partito finisce con l'incidere sul ruolo amministrativo..come è vero anche il contrario! Tutto questo genera... oltre che perdita di tempo utile a far funzionare..conflitti grandi come una casa!

Tanti cittadini non riescono ancora percepire i condizionamenti e le storture di tale percorso... considerando del tutto naturale che un leader di Partito possa esercitare il ruolo di Premier o ministro! Reputano ciò come naturale in un percorso istituzionale, non accorgendosi di come un tale conflitto possa determinare gravi storture per l'efficienza della stessa amministrazione dello Stato e relativi compromessi: E' perfettamente inutile occuparsi del tema sui conflitti dirigendo l'attenzione solo verso la categoria imprenditoriale se non ci si rende conto che il principale conflitto è già esistente in seno alla stessa classe politica!

Il virus del doppio volto in democrazia (art di Paolo Speciale)




DI PAOLO SPECIALE
E' il virus dei due volti, di costituzione squisitamente politica, riguarda le formazioni partitiche in campo ed è – di fatto – la perenne mancata interdipendenza tra i programmi – spesso meramente elettorali e finalizzati ad una emozionale ed irrazionale cattura del consenso – e la produzione ed esecutività di atti di governo ad essi collegati e conseguenti.
Rimanendo nell'ambito politico/amministrativo che qui trattiamo, proviamo ad identificare, con una semplice traslazione, i due elementi fondanti della filosofia aristotelica, con i due elementi prima citati; associamo cioè i programmi alla potenza, mentre identifichiamo l'effettiva azione di indirizzo politico e/o di legiferazione con l'atto.

Quando e perché si verifica l'interruzione di un processo, influendo negativamente sulla stabilità delle maggioranze e mettendo in crisi anche il sistema normativo elettorale di cui spesso si predica la necessità di cambiamento?
Negli ultimi decenni, trascurando il qui irrilevante elemento di distinzione tra prima repubblica e seguenti, vari soggetti istituzionali, e soprattutto i Presidenti del Consiglio dei Ministri, hanno avvertito la necessità – anch'essa di mera ma cogente opportunità elettorale – di giustificare la mancata realizzazione dei programmi annunciati, ora attribuendo la responsabilità al Parlamento, spesso in ritardo per le procedure d'Aula inadeguate ed anacronistiche, ora coinvolgendo l'azione, suo malgrado sovente rilevante in ambito politico, della Magistratura laddove sia stata ravvisata qualche irregolarità, di varia natura.
Ora, quando potenza ed atto in un ordinamento come il nostro non possono essere conseguenziali e correlati, si determina una crisi di sistema ingravescente, con effetti pratici tutt'altro che lontani dalla disquisizione filosofica sin qui proposta. Vediamo quali proprio nella cronaca di questi giorni.
Un movimento politico qualsiasi, dopo una tragedia sociale di grande rilievo come il crollo del Ponte Morandi chiede di “rivedere” le concessioni statali riguardo alle manutenzioni periodiche ed in seguito, dopo un secondo crollo di un altro ponte nella stessa zona, si è costretti a constatare che ancora nessuna revisione, sia di atti ufficiali che tecnica, è stata ancora effettuata e, quel che è peggio, che non esiste nemmeno una attendibile mappatura delle strutture a rischio.
Gian Antonio Stella, autorevole editorialista del Corriere della Sera, parla (con ragione) di un Paese che interviene sempre “dopo”; evidenziando così il trionfo dell'incompiuto, della potenza che rimane tale, del volto dei buoni propositi e del successivo volto di chi cerca di giustificarsi, senza con ciò riuscire a togliersi alcuna colpa.
Ecco il virus di cui parliamo, l'emergenza madre, quella prioritaria, da affrontare subito.



23 nov 2019

M5S: EMERGONO LE EVIDENTI CONTRADDIZIONI




nihil sub sole novi”

di vincenzo cacopardo

Nulla di nuovo sotto il sole”..Da quando questo Movimento è venuto alla ribalta..portando un vento di speranza di innovazione e cambiamento..si è sempre sperato che avrebbe lavorato per una sua organizzazione attraverso un dialogo interno in realtà mai costruitosi: Occorreva una intensa riflessione sulle idee nuove! Molti avevano creduto nella rottura del sistema, ma hanno atteso nella speranza indispensabile di una ricostruzione del nuovo attraverso appropriate riforme. Tuttavia ciò non è per nulla avvenuto ed oggi il Movimento sconta pesantemente questo svantaggio per non aver fatto nulla in proposito.

Oggi si discute del doppio incarico di Di Maio ..quando si è avanzato costantemente (soprattutto in questo Blog) tale problema che avrebbe generato controsensi. Come del resto ha dimostrato la procedura negli ultimi governi voluti dal sistema che oggi lo stesso Movimento vorrebbe contrastare.

Sono confluiti in massa verso le Aule Parlamentari con un abbondante suffragio e con la pretesa che ci si potesse sedere negli scranni o nelle poltrone dell'esecutivo senza una base forte di dialogo all'interno della loro organizzazione..Un dialogo che potesse rendere loro capacità di confronto utile per dare una forte identità alla loro politica togliendo conflitti di ogni genere. Oggi il quadro appare diverso: Sembrano tutti parlamentari a disposizione di una organizzazione che pretende di vederli asserviti. ..ed in caso contrario sottoposti ad una piattaforma ambigua che formula persino domande comodamente predisposte..
  
Non poteva che finire così! Oggi proprio Di Maio.. il “factotum” di un Movimento politico.. che si dichiarava per il rinnovamento.. resta invischiato tra la sua presunzione ed una piattaforma poco convincente che ha messo il Ministro degli esteri in forte imbarazzo circa i compromessi ed i possibili conflitti: Il leader del Movimento voluto da Grillo rimane sotto processo all'interno della sua Organizzazione politica ed in molti gli hanno presumibilmente voltato le spalle..

In uno sfogo Di Maio...sembrerebbe non farcela più a stare in prima linea ed occuparsi di tutto.. e Grillo correrà a consolarlo...
Ci voleva forse una grande maestria nel non accorgersi che un simile percorso sarebbe stato infruttuoso per chi avrebbe dovuto operare un cambiamento attraverso le primarie riforme? ..Un riordino fondamentale mai più preso in considerazione! Quando si è speso tanto tempo ed energie per portare avanti reddito di cittadinanza (senza ben valutare i problemi sulla ricerca di un lavoro che manca) e tagli lineari sulla politica..col solo scopo di dimostrare un pedestre iper-moralismo quasi come unico percorso di una ottusa vendetta contro il vecchio sistema.

Il primo compito di chi ricerca un sano cambiamento si costruisce sulle riforme più importanti che creano continui conflitti arrecando disfunzionamento al sistema ed alle stesse istituzioni!

Oggi lo stesso Di Maio, malgrado una evidente volontà di voler fare, ha dimostrato soprattutto una pervicace presunzione nel non avere intuito l'importanza di differenziare i ruoli e rimane reo e..per certi versi.. la principale vittima in un contesto di una organizzazione che continua a perdere consensi e che di certo non gli darà scampo addebitandogli ogni responsabilità.




20 nov 2019

VESPA OSPITA L'IMPERITURO RENZI


Tutto ed il contrario di tutto..per chi trova nella politica un esclusivo egoistico beneficio!
di vincenzo cacopardo

Ospite nell'immortale salottino di Vespa sul primo canale della TV, l'imperituro Leader di Italia Viva, dopo aver affermato che il suo Partito sarà un polo di attrazione di tutti quei Partiti moderati centristi, azzarda persino una possibile alleanza con Salvini..

Mai dire mai”..Una frase detta e poi smentita? Può darsi! Non ci sorprenderebbe comunque in un clima politico dove si dice e non si dice!..Un'asserzione che emulando il titolo di un film di 007..potrebbe dirla lunga su come una certa politica odierna si muova senza più alcun principio e linearità..D'altronde conosciamo da tempo il personaggio ed altre frasi come “ Enrico stai sereno” nei riguardi del suo predecessore Letta al governo rimasta celebre.. Una citazione che viene ormai costantemente ripresa da chiunque voglia prendersi gioco dell'altro. Quindi: frase detta o non detta..nel quadro politico odierno non ci si potrebbe nemmeno più stupire!..

Ciononostante quello che avrebbe più dovuto lasciare basiti gli ascoltatori del programma di Porta a Porta sarebbe dovuto essere lo sproloquiare sul tema del Mezzogiorno da parte del leader toscano.. affermando di avere fatto molto nel passato per il Sud...Altro che basiti! Matteo Renzi, promotore di un giglio magico circoscritto nella sua provincia toscana, finge di non sapere che ha governato per circa tre anni e proprio per il Sud non ha costruito alcun progetto adeguato, ma solo parole su parole..una montagna di parole! Il riscontro è stato più volte rimarcato ogni qualvolta ha messo piede nel Sud dove ha ricevuto una marea di improperi ed invettive. Oggi Renzi prende in mano astutamente questo tema del Sud ancora più sentito nel clima politico solo per accaparrarsi consensi!

Il suo dialogo..spesso infarcito di panzane o frasi dette e poi smentite.. trova un riscontro solo su quel 40% che ha portato al PD quando era segretario durante le passate elezioni europee e del quale costantemente non perde occasione di ricordare: L'esito di una consultazione che ribadisce tenacemente omettendo altri risultati successivi a danno dello stesso Partito che lo ha creato e sostenuto.

Come il tempo ha dimostrato..proprio il PD gli è servito da trampolino per una sua esclusiva affermazione personale in politica agli occhi di coloro che all'interno stesso del Partito non hanno voluto vedere facendo sprofondare la storica organizzazione fino al di sotto della soglia del 20%

Tuttavia il PD ha ormai poco da lamentarsi avendo offerto a Renzi troppa apertura ed avendo posto in lui una fiducia non compensata da un costruttivo dialogo e dai giusti risultati. In tanti all'interno del Partito non si erano resi conto del putiferio che ciò avrebbe portato: Il giovane segretario..sulla spinta dell'incarico a Premier, ha dimostrato il massimo della boria attraverso un assoluto modo di procedere.. sgretolando lentamente ogni principio di scambio costruttivo al suo interno.

Ancora oggi c'è chi si affida a colui che, dopo l'effetto dei macroscopici errori, tra cui il fallimento delle controverse riforme costituzionali e della legge Italicum.. e persino l'apertura verso un sistema proporzionale che lui stesso aveva sempre contrastato, ha finito col cambiare le regole della politica spostando l'attenzione verso un ricercato personalismo del leader.


14 nov 2019

VENEZIA E MATERA PATRIMONI SOTT'ACQUA




PIU' CHE INCAPACITA' DI AMMINISTRARE..SI PALESA IGNORANZA, INSENSIBILITA' ED INDOLENZA.
di vincenzo cacopardo



La classe politica odierna non appare di certo tra le migliori! Tra incompetenza, scarso senso dell'amministrazione, un sempre più forte desiderio di potere e soprattutto nessuna lungimiranza.. ci si è ridotti ad essere un paese che giorno dopo giorno sprofonda in uno dei periodi più neri degli ultimi decenni. Ciò dipende dal fatto che ci si ostina a dare consenso a figure che appaiono forti nella comunicazione, ma sempre più deboli nei fatti... A figure che si esaltano per capacità di linguaggio e che si espongono senza alcuna modestia nella loro consueta presunzione.

DISASTRI ANNUNCIATI
Nel nostro Paese ogni anno si ripete la solita storia! ..Dopo una calda estate... diluvi e maltempo che distruggono citta' e patrimonio artistico. Solo pochi percepiscono che le acque troppo calde del mare hanno cambiato il clima che non appare più di quiete mediterranea come un tempo.. portando sempre più spesso uragani non consueti.
Di fronte a questo la classe politica dirigente rimane inerte senza mai prevenire questi fenomeni occupandosi prevalentemente di spicciole questioni personali di potere: Mentre Matera viene invasa da fiumane violente..contro le quali nulla si e' mai provveduto per bloccarle..Venezia.. invasa dalle acque che distruggono il suo meraviglioso ed unico patrimonio artistico, non ha più visto la protezione del Mose..(studiato per anni ed anni..e mai terminato). Un progetto che ..al contrario..ha visto edificare su di esso una sequela di corruzioni ... Ancora oggi dopo decenni le barriere di protezione del Mose non sono funzionanti.

Una vergogna! Mai nessuna prevenzione in proposito e la storia si ripete!!. Ciò che di più prezioso abbiamo ..non vede mai l'attenzione di una classe politica che amministra ancora incapace di comprendere!! Giorno dopo giorno assistiamo in TV e nei social al solito pettegolezzo politico di chi brama per andare al governo dello Stato o di una Regione con la supponenza di saper governare..e di anno in anno si ripetono disastri e crolli.

Non considerare con attenzione la prevenzione del territorio e del patrimonio artistico come primaria significa non percepire l'importanza del bene prezioso che possediamo..

12 nov 2019

SALVINI: CAPITANO O SOLDATO SEMPLICE?


di vincenzo cacopardo

Che Matteo Salvini sia un comunicatore capace di colpire gli animi accesi del popolo..non ci piove! Che sia anche in continua campagna elettorale girando il paese in ogni dove..anche qui non ci piove! Che racconti soprattutto quello che nel paese non va ..anche questo è vero! .. Persino il fatto che si ritrovi oggi in un contesto politico particolare che di certo lo aiuta non può che essere vero! Ma poniamoci soprattutto la domanda se ha..o ha mai avuto la capacità, se non a parole, di trovare le soluzioni!..

Ogni suo discorso durante le interviste tende a sviare dalla domanda rincorrendo una certa retorica critica non inerente.. e per molti versi anche volendosi astutamente schernire.. apparendo come colui a cui si intestano tutte le colpe per le quali la politica non funziona.
Fateci caso: Non esiste risposta alle domande che gli vengono poste che non svicoli verso altri favorevoli argomenti a suo giovamento. Argomenti che poi sfociano in considerazioni puntualizzate dalle sue mani in continuo movimento in una scena quasi teatrale tendente ad esprimere una ricercata sicurezza.

Per molti cittadini la sua spavalderia nel dialogo appare come un incantesimo di fronte ad un “capitano” che li guida verso ciò che appare giusto: Appare..ma che non è mai visibile poiché manca sempre di una corrispondenza con la realtà! Tuttavia per altri potrebbe essere un semplice soldato che urla nelle retrovie...Tanti dei suoi accoliti sono coloro che hanno bisogno di un capitano proprio perchè non hanno alcuna forte personalità critica obiettiva..partecipano ai suoi discorsi come quando guardano una partita allo stadio e tifano compiacendosene. L'ascoltatore che apprezza il leader della Lega..lo vede come il risolutore dei drammi del Paese tuttavia non ha ancora nessuna vera contezza di ciò che potrebbe essere capace di fare..nessuna corrispondenza con la soluzione delle molteplici complicanze di un Paese perennemente in crisi politica, economica, di sicurezza e stabilità sociale.

Per adesso il vento spira dalla sua parte proprio per le immense difficoltà che attraversa la politica del Paese..e tutti sappiamo che quando non si governa (o si finge di farlo come nell'esecutivo precedente affidando i compiti più rognosi all'alleato di governo e occupando il tempo in continue campagne elettorali) non devi dimostrare nulla ed ogni critica risulta facile!
Quando e se Matteo Salvini trionferà come Premier.. ci accorgeremo tutti delle sue innate capacità governative. Potrà constatarlo meglio chi oggi lo osanna quando e se alle sue parole seguiranno i fatti...e quali fatti!..Se le proposte tanto declamate, ma in realtà non ancora ben percepite, potranno vedere soluzione.. se davvero potranno vederlo come un capitano di un Paese senza più difficoltà o come un soldato che torna indietro sconfitto da una battaglia che lo ha visto ripiegare nelle retrovie.